Polo: Europei donne; Italia-Inghilterra 5-6

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – POGLIANO MILANESE, 23 SET – Tutto da decidere, dopo
    la seconda giornata della terza edizione degli Europei donne di
    Polo, in corso al Club La Mimosa di Pogliano Milanese. Le
    squadre sconfitte nella prima giornata si sono prontamente
    riscattate (Inghilterra-Italia 6-5,5 e Germania-Irlanda 6-5,5) e
    così ogni team si ritrova con una vittoria e una sconfitta dopo
    due partite. Saranno quindi decisivi i match di sabato per
    stabilire le finaliste che domenica si contenderanno il titolo
    continentale.
        Nella prima sfida l’Inghilterra ha battuto l’Italia per 6-5,5,
    al termine di una partita a lungo interrotta per l’infortunio
    occorso nel terzo chukker alla capitana azzurra Costanza
    Marchiorello (frattura del malleolo sinistro, dopo caduta). Alla
    ripresa del gioco, sul punteggio di 3-2,5 per le inglesi, le
    azzurre hanno schierato Vittoria Marchiorello, sorella di
    Costanza, cercando di contenere le avversarie. Heloise Wilson
    Smith è stata la migliore, realizzando quattro dei sei gol della
    sua squadra, ben supportata da Emma Tomlinson Wood e Millie
    Hughes, che hanno messo a segno le altre due marcature.
        Nell’Italia due gol su punizione per Camila Rossi. L’altra rete
    era stata realizzata da Costanza Marchiorello.
        Avvincente la sfida tra Germania e Irlanda, con le tedesche che
    hanno iniziato la sfida in modo molto brillante, chiudendo il
    primo chukker in vantaggio per 3-1,5 con un gol a testa per Hana
    Grill, Eva Bruhl e Marie Haupt e portandosi sul 4-1,5 in
    apertura del secondo. La risposta delle irlandesi non si è fatta
    attendere, grazie a Siobhan Herbst e Ina Lalor, ma dopo essersi
    riportate sul 4-3,5 le marcature di Grill e Bruhl hanno messo al
    sicuro la vittoria della Germania. Domani le irlandesi
    affronteranno l’Italia, mentre la Germania se la vedrà con
    l’Inghilterra. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte