Problema sicurezza, proposti interventi per fronteggiare i furti

  • Le proposte di Reggini Auto

  • I comandanti di Gendarmeria, Polizia Civile e Guardia di Rocca, hanno ricevuto l’incarico di proporre interventi per fronteggiare la recrudescenza di furti e tentati furti.
    Nel 2008 a San Marino sono stati denunciati 53 furti in abitazione. 14 in meno dell’anno precedente. Le denunce di reati in generale sono lievemente aumentate, ma se si scorporano quelli subiti da sammarinesi fuori territorio, anche qui c’è una diminuzione. Una cosa è l’incidenza dei reati, altro è pero, la percezione della sicurezza. E le notizie dei furti che si susseguono a ritmo elevato in questi mesi, hanno creato una sensazione di disagio diffuso tra i cittadini.
    Dalla riunione del dipartimento di polizia è emersa la decisione di affidare ai comandanti di Gendarmeria, Polizia Civile e Guardia di Rocca, l’incarico di elaborare proposte operative. Alcune sono già in fase di valutazione. In primis, l’interconnessione delle centrali operative e la radiolocalizzazione delle pattuglie.
    Iniziative che consentirebbero una razionalizzazione delle risorse e tempi più rapidi di intervento. Poi la proposta che ciclicamente emerge, e su cui ci sarebbe accordo, delle telecamere ai confini per monitorare ingressi e uscite.
    Venerdì sera intanto, nuovi episodi di microcriminalità: tra le 19.30 e le 23 sono state forzate le serrature di tre auto parcheggiate a Serravalle intorno all’area del Multieventi. In un caso i ladri hanno portato via una borsetta e negli altri, due portafogli.
    Resta intanto in carcere, mentre proseguono le indagini, il serbo arrestato a Capodanno con l’accusa di essere l’autore di diversi furti. Sentita dagli inquirenti anche la sua compagna.

    Fonte:San Marino RTV