“Può non aver capito”. E il giudice tedesco assolve l’immigrato stupratore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Orrore a Dresda. Le botte e lo stupro. Ma per il giudice l’immigrato non avrebbe capito che non si fa così. E lo assolve

Ein explosiver Urteil. Una notizia esplosiva. Ha titolato così Die Welt quando, cinque giorni fa, è riuscito a ricostruire quanto avvenuto la scorsa primavera a Dresda: il brutale stuprodi un’assistente sociale e la successiva assoluzione del siriano che, dopo averla pestata a sangue, l’ha violentata senza alcuna pietà.

Il pubblico ministero, spiega ItaliaOggi che ha ripresa la notizia in Italia, ha chiesto e ottenuto che il profugo non finisse in carcere perhé non è “in grado di capire che nella nostra società i rapporti tra uomo e donna non sono basati sulla forza”. “C’è un bonus alla violenza sessuale per gli immigrati?”, si chiede ora il redattore di Die Welt.

La notizia è stata oscurata per mesi. I fatti risalgono, infatti, alla fine del 2017 e l’assoluzione ad aprile del 2018. Quasi un anno fa. Un anno di silenzi. Solo i quotidiani locali di Dresda si sono occupati della vicienda giudiziaria. Fino a qualche giorno fa, quando Di Welt ha preso in mano il caso e ci è andato a fondo. Ha parlato con Gesa Israel, l’avvocato dell’assistente sociale che è stata violentata dal siriano. È stata lei a consigliare alla vittima “di essere molto prudente nel rilasciare dichiarazioni che potrebbero venire manipolate e sfruttate in chiave politica”. Perché tutto questo silenzio? Impossibile a dirsi, anche perché la sentenza è eclatante. Non è la prima volta che in Germania certe notizie passano sotto traccia. Basta pensare a quanto ci era voluto perché venissero alla luce gli abusi e le violenze perpetrate da alcuni immigrati la notte di capodanno in piazza a Colonia.

Lo stupro, come ricostruito dal quotidiano tedesco, è avvenuto nell’appartamento dell’immigrato ventenne. Non appena l’assistente sociale ha capito le intenzioni del giovane, ha provato a repingerlo spiegandogli che di non voler, in alcun modo, avere un rapporto sessuale con lui. Il siriano ha dato in escandescenze l’ha pestata. Dopo la prima raffica di botte, la donna in lacrime non ha più opposto resistenza per non finire massacrata dall’aggressore. Durante il processo che si è tenuto la scorsa primavera, il pubblico ministero ha chiesto alla vittima se lo stupratore potesse non aver capito che lo stava rifiutando. “Potrebbe essere possibile…”, ha risposto dando così l’assist al giudiceche ha, quindi, assolto il siriano. Una storia drammatica, appunto, perché, come rileva Die Welt lo straniero l’ha fatta franca perché, a detta del magistrato, non avrebbe inteso che in Occidente (e auspicabilmente in tutto il modo) i rapporti tra uomo e donna non sono mai contro la volontà di uno dei due partner. Un’ovvietà che per alcune persone non è poi così ovvia. Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com