Razzi contro raid, alta tensione Israele-Gaza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Altissima tensione fra Gaza e Israele, con decine di razzi lanciati dal territorio palestinese e raid aerei di risposta lanciati dallo stato ebraico. La nuova escalation è stata innescata dalla firma ieri alla Casa Bianca dell’Accordo di Abramo, che normalizza i rapporti fra Israele, gli Emirati Arabi e il Bahrein. Proseguiti durante la notte, alla fine sono stati 13 in tutto (8 intercettati dal sistema di difesa Iron Dome), costringendo la popolazione del sud di Israele a correre nei rifugi nella prima notte di quella che Trump ha celebrato come “l’alba di un nuovo Medio Oriente”. Nella prima salva arrivata dalla Striscia due israeliani sono rimasti feriti leggermente. La pioggia di razzi ha subito innescato la risposta di Israele che ha addossato ad Hamas, al potere a Gaza, la responsabilità della nuova fiammata di tensione: 10 i siti terroristici attaccati dall’aviazione nella Striscia. “Non mi stupisco dei terroristi palestinesi – ha detto il premier Benyamin Netanyahu dagli Usa poco prima di rientrare in patria -. Hanno sparato contro Israele proprio durante una cerimonia storica. Vogliono far retrocedere la pace, ma non ci riusciranno. Noi colpiremo chiunque tenti di colpirci, ma porgiamo una mano di pace a quanti vogliono la pace con noi”. L’Iran considererà gli Emirati Arabi e il Bahrein come “responsabili di tutte le gravi conseguenze che deriveranno” dell’accordo di normalizzazione siglato ieri alla Casa Bianca con Israele, ha detto il presidente della Repubblica islamica, Hassan Rohani. L’Arabia Saudita – nemico numero 1 di Teheran nella regione e grande tessitrice dell’attuale politica di alleanze di Israele e Usa – si è mantenuta prudente ed ha ribadito di essere dalla parte del popolo palestinese e di sostenere tutti gli sforzi volti a raggiungere una soluzione giusta.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte