Referendum, San Marino Bene Comune: votare “no” per promuovere un’iniziativa di valore internazionale per il Paese

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Schermata 2016-05-11 alle 15.21.12Prima si dice che l’esperienza del Polo della Moda sarà fallimentare, che le cifre indicate sull’indotto, sui lavoratori, sulla rilevanza rispetto al PIL, sui visitatori sono assolutamente irrealistiche e gonfiate, quindi il Polo non s’ha da fare. Poi si dice che avrà tanto successo che “comanderà la vita economica, le scelte e le politiche del lavoro di un intero paese” e che “si commissaria lo Stato nelle mani dell’investitore”. O l’una o l’altra: non si può sostenere la stessa idea con motivazioni opposte. È veramente deprimente leggere le accuse di Rete&Co, soprattutto quando, con un delirio in crescendo rispetto alle ultime comunicazioni, si accusa la maggior parte delle rappresentanze politiche, ma anche quelle datoriali e sindacali, di fare parte di una specie di complotto e di rappresentare tutti assieme il connubio politica-affari: in sostanza, siccome sono l’unica forza politica ad essersi espressa contro il Polo, tutti gli altri non solo devono essere nel torto, devono anche essere conniventi e associarsi nel connubio politica-affari. La Coalizione San Marino Bene Comune rigetta questo modo di giudicare, questo vecchio stile, politicante e che tende a dividere in due il Paese tra buoni e cattivi. Paradossalmente non è la Maggioranza che sostiene il progetto a giocarsi tutte le sue carte politicamente, ma, ad estremizzare la questione sono coloro che mitizzano il Polo come la sintesi di tutti i mali possibili e il referendum come una liberazione dal male. Per Bene Comune e per tutti quelli che in questi giorni si sono espressi con il NO al Referendum, c’è in ballo solo una semplice domanda: vogliamo accogliere o rifiutare un progetto imprenditoriale serio, proposto da professionisti affermati del settore, in un settore commerciale chiaro, capace di creare lavoro ed indotto? Questa non dovrebbe essere una questione divisiva, ma unitiva. Per questa ragione, la Coalizione coglie anche l’occasione per ringraziare tutti coloro che, anche appartenenti a forze politiche di minoranza o rappresentanti di categorie sociali anche contrapposte, vedono nel Polo un’occasione di sviluppo per tutti e per il Paese e non fanno speculazione politica, ma invitano al sostegno di questa iniziativa. Questa è la differenza. C’è chi si impegna realisticamente per dare un contributo fattivo per il Paese , e c’è chi specula sulle difficoltà e sulla vicinanza alle elezioni per ottenere non un vantaggio comune ma un lucro elettorale e di parte. San Marino Bene Comune invita a VOTARE NO PER REALIZZARE IL POLO DELLA MODA, e anche per dire stop alla demagogia che non unisce, ma divide la cittadinanza e il Paese.