Regioni: Fedriga, nonostante le crisi, Fvg è più attrattivo

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – TRIESTE, 23 DIC – Un Fvg più attrattivo nonostante 5
    anni densi di grandi problemi, dalla pandemia al caro energia.
        E’ il bilancio di fine mandato della amministrazione regionale,
    sintetizzato oggi nel corso della tradizionale conferenza stampa
    di fine anno che coincide, appunto, con la conclusione della
    amministrazione di Massimiliano Fedriga. In Fvg si voterà il 2
    aprile o il 7 maggio.
        La conferenza è cominciata con un video in cui gli assessori
    hanno riassunto la propria esperienza di governo soffermandosi
    sulle crisi inaspettate verificatesi: tempesta Vaia, pandemia,
    guerra in Ucraina, caro energia, inflazione, incendi.
        “Pensavo sarebbero stati cinque anni di ordinaria
    amministrazione, sono stati invece anni di difficilissima
    amministrazione di emergenza”, ha detto Fedriga, insistendo sul
    fatto che la sua gestione “è riuscita a valorizzare in modo
    importante l’autonomia del Fvg, punto cardine per dare risposte
    ai cittadini” operando “con un grande spirito di squadra”.
        Cruciale è stata “la riduzione dei contributi da versare allo
    Stato centrale”: “Nel 2021 abbiamo siglato un patto con il
    ministro Franco che assicura un risparmio di 2 miliardi di
    euro”. Fedriga ha passato in rassegna i provvedimenti più
    importanti: “abbassamento strutturale della pressione fiscale”
    per l’Irap, il fatto che il Fvg è la “Regione che ha aiutato di
    più le imprese coi ristori, sostenendo i costi del caro
    energia”, gli “importanti investimenti” per porti e interporto
    con la logistica che ha segnato un “tasso di crescita di più del
    12% nel 2022”. Nel 2023 con il “nuovo accordo di servizio con
    Trenitalia ci saranno 25 nuovi treni in Fvg”. Positivo il
    mercato del lavoro: “E’ aumentato il tasso di occupazione, il
    numero di disoccupati è sceso del 30,56% sul 2018”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte