Remo Giancecchi (DDC), Maggioranza e opposizione fronte comune su centri storici!

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Il grido di allarme lanciato – appena qualche giorno fa – da un gruppo di cittadini e di commercianti di Serravalle non può rimanere inascoltato.

    E’ comprensibile questo sfogo a fronte di una situazione evidentemente precaria e desolante.

    Nessuno, tra maggioranza ed opposizione, ha la bacchetta magica davanti ai tanti problemi ed alle difficoltà denunciate;difficoltà peraltro più che fondate.

    Il progressivo e continuo svuotamento in termini di attività commerciali e presenze è un dato – purtroppo – consolidato anche a Serravalle.

    Penso però si debba provare a fare fronte comune, almeno su questi temi! Siamo tutti d’accordo che i centri storici rappresentano una peculiarità del nostro tessuto economico e sociale.

    Siamo tutti d’accordo nel sostenere che rappresentano – con le loro attività commerciali e non – un elemento di aggregazione per la cittadinanza.

    Siamo tutti d’accordo nel crederli una risorsa.

    A breve il Consiglio Grande e Generale discuterà di commercio.

    Vedremo se vi saranno proposte risolutive rispetto anche al tema della valorizzazione dei Centri storici.

    Il nostro Movimento, pur dall’opposizione, valuterà quanto ci verrà proposto in questa direzione e, nel contempo, lavorerà con proposte rivolte al rilancio delle attività commerciali e per individuare strumenti per rivitalizzare i centri storici dal punto di vista della vivibilità e dell’aggregazione.

    Il centro storico di Serravalle, ad esempio, potrebbe tranquillamente rientrare (insieme a Città, Borgo e Montegiardino) all’interno di apposite aree commerciali specializzate attraverso precisi incentivi che favoriscano sensibilmente le specifiche specializzazioni e vocazioni.

    Lancio infine una provocazione.

    Se il 2009 è stato l’anno in cui la maggioranza ha voluto fare tutto da sola, ed abbiamo visto poi i risultati e la “non dichiarata agonia” che sta vivendo in questi giorni, perché non fare del nuovo anno quello della collaborazione su un tema sentito a tutta la cittadinanza come questo?

    Anche perché su questo argomento non serve trincerarsi dietro a testi secretati o parafati, ma basterebbe solo la volontà di dimostrare che la politica ha ancora un senso e non è solo legata a logiche di scontro il più delle volte inutile.

    Remo Giancecchi

    Membro del Gruppo di Coordinamento del Movimento dei Democratici di Centro (DdC)