Riforme e Libertà – comunicato stampa nomina Presidente Banca Centrale

  • Le proposte di Reggini Auto

  • I rappresentanti della Coalizione “Riforme e Libertà” hanno partecipato stamane all’incontro convocato dal Governo in merito alla nomina del Presidente della Banca Centrale della Repubblica di San Marino.

     

    Lo spirito con cui la Coalizione si è voluta impegnare nel confronto di tutte le rappresentanze consiliari con il Governo era all’insegna della massima responsabilità e dell’impegno nel ridurre gli elementi del conflitto politico, su un tema di così alta rilevanza.

     

    Purtroppo la posizione del Governo e dei capigruppo di maggioranza è stata da subito contrassegnata da un atteggiamento di totale chiusura e da una reale indisponibilità ad un confronto effettivo anche minimo.

     

    La stessa scelta del Governo di ufficializzare la nomina, già nella seduta del Congresso di Stato di ieri, anticipando inoltre anche la venuta del Prof. Masera a San Marino nei prossimi giorni per perfezionare i dettagli della sua collaborazione prima ancora che il Consiglio Grande e Generale si sia espresso in tal senso, rappresenta uno svuotamento della dialettica democratica tra maggioranza ed opposizione e dello stesso ruolo del parlamento, palesando ulteriormente la “sindrome” di autosufficienza su cui il Governo e la maggioranza continuano ad attestarsi.

     

    A fronte di questo comportamento di “apparente apertura”  del Governo, poi di fatto manifestatamente smentita negli atti compiuti in questi giorni, Riforme e Libertà giudica negativamente l’azione contraddittoria del Segretario di Stato alle Finanze che – di fronte ad una richiesta da lui stesso definita motivata – ha poi fatto pervenire una risposta totalmente immotivata.

     

    Questo modo di agire denota una debolezza di coalizione, più volte da noi sottolineata, ed uno scarso senso democratico e delle istituzioni le cui conseguenze verranno ancora una volta scaricate sul Paese che invece chiede alla politica condivisione e responsabilità.

     

    San Marino, 24 febbraio 2009   

     

    L’Ufficio Stampa  

    Coalizione Riforma e Libertà