Rimini. Il giro d’oro della cocaina tra professionisti e aspiranti politici. Arrestati i fornitori dei Vip

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

carcere-casettiLife style, ‘Stile di vita’. Così i poliziotti della Squadra mobile hanno battezzato l’inchiesta che ha visto l’arresto di pr e candidati politici dai nomi conosciuti, mescolati a un sottobosco di albanesi e marocchini. A unirli, il filo bianco della cocaina che vendevano a vip e giovani rampanti. Avvocati, gente di spettacolo e professionisti vari, pescati soprattutto nel gran serbatoio delle discoteche. I riminesi, tutti agli arresti domiciliari, spacciavano al minuto, gli stranieri, finiti invece dietro le sbarre, erano trafficanti e fornitori. Una rete che gli investigatori, coordinati dal sostituto procuratore Davide Ercolani, hanno chiuso ieri mattina e che per puro caso ha visto svelare anche un grosso giro di anabolizzanti, aprendo un fronte nuovo in corso d’opera.
Personalità di spicco, Sonny Righetti, 24 anni, riminese, pomposamente soprannominato ‘The King’, capello lungo e fisico palestrato è quello che secondo gli inquirenti oltre al traffico di anabolizzanti, aveva un vastissimo giro di spaccio insieme alla fidanzata, Dalila Laricchia, 41 anni, residente a Santarcangelo, alle ultime elezioni candidata nella lista ‘Sinistra per Rimini’ (non eletta). Così come Massimo Del Baldo, 49 anni, albergatore riccionese, pr in alcune discoteche della riviera, organizzatore di cene ed eventi. Un mondo della notte, il suo, che a quanto dicono gli investigatori inondava di coca, grazie ai rifornimenti albanesi. Le intecettazioni a cui l’hanno sottoposto per mesi, hanno svelato centinaia di chiamate da parte di clienti ansiosi di consumare il vizio quotidiano, con un parterre di tutto rispetto, grazie soprattutto ai contatti che aveva all’interno dei locali. L’inchiesta ha documentato una marea di cessioni di cocaina, ordinazioni continue da parte di chi voleva la ‘maglia’, nome in codice per la costosa neve. Altri italiani finiti ai domiciliari sono Emanuele Dalla Venezia, 33 anni, riminese, Marcomaria Santucci, 23, (…). La schiera dei trafficanti è composta invece dagli albanesi Elis Hajdari, 28, Denis Muca, 26, Redian Gjuraj, 24, Erion e Xhevdet Zaimi, 32 e 61 anni, e Arben Vukaj, 25. Altri due albanesi li stanno ancora cercando. Il marocchino è invece Jilali Hassani, mentre un suo connazionale manca invece all’appello. L’ultimo della lista degli arrestati è Jose Nelson Neri, 23 anni, originario della Colombia ma residente a Rimini. Ricostruito il quadro per intero, gli investigatori hanno chiesto e ottenuto le ordinanze di custodia cautelare. E ieri mattina all’alba hanno fatto scattare le manette, mentre il sindaco, Andrea Gnassi, si complimentava con il questore, Maurizio Improta, per l’operazione. Il Resto del Carlino

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com