Rimini. Ladro si arrampica sul cornicione, ma cade dal secondo piano: è grave

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • nuovo-pronto-soccorso-ospedale-infermi-rimini-e1304412987711«C’E’ UN UOMO a terra, correte». Sono circa le 18 di ieri pomeriggio quando scatta l’allarme presso la Questura. La telefonata parla di un giovane, riverso sulla strada, nella zona di Fiabilandia tra via Stoccolma e via Parigi. Dalla prima segnalazione fatta, il ragazzo non darebbe segni di vita. Immediatamente si mette in moto la macchina dei soccorsi. Arrivano una Volante della Polizia e un’ambulanza del 118. Il giovane, un albanese di 20 anni, viene caricato sul mezzo e trasportato all’ospedale «Infermi». Le prime voci che si rincorrono parlano di un’aggressione. «E’ stato aggredito e pestato a sangue da uno sconosciuto che l’ha lasciato, sanguinante, a terra», sono le prime ricostruzioni raccolte sul posto. Ma gli agenti della Polizia vogliono vederci chiaro: la dinamica del fatto presenta molti lati oscuri ed anche le ferite riportate dal ragazzo non appaiono compatibili con una caduta. A togliere ogni dubbio ci pensa un testimone oculare: «Ho visto tutto, non c’è stata alcuna aggressione».
    L’uomo racconta agli inquirenti di aver visto l’albanese arrampicarsi sul cornicione di un palazzo all’angolo tra via Stoccolma e via Parigi. L’intento sarebbe stato quello di entrare all’interno di un alloggio per ‘visitarlo’, approfittando dell’assenza dei proprietari. Ma qualche cosa deve essere andato storto ed il ventenne, mentre si trovava quasi al secondo piano, ha perso la presa ed è precipitato nel vuoto. L’impatto al suolo è stato violentissimo. Incapace di muoversi e di parlare, il ragazzo è rimasto per diversi minuti privo di conoscenza. Trasportato in ospedale con il codice di massima sicurezza, le sue condizioni fino a ieri sera erano ancora gravi ed è stato trattenuto in osservazione per tutta la notte, piantonato dagli agenti. La sua prognosi resta riservata. Un episodio simile era accaduto qualche settimana orsono a San Martino Monte L’Abbate quando un altro aspirante ladro è precipitato da un terrazzo nel tentativo di sfuggire ai padroni di casa che erano rientrati in anticipo nella loro villeta. Allora però lo sconosciuto, nonostante le ferite riportate, riuscì a darsi alla fuga nei campi. E nella tarda serata di ieri un cittadino marocchino è finito in ospedale dopo essere stato aggredito, a suo dire, nella zona delle Celle. Sull’episodio indagano i carabinieri.

    Resto del Carlino