Rimini. Ripartono gli incontri di DireUomo sulla violenza di genere e il ruolo maschile

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Al Museo della Città di Rimini tre appuntamenti con esperti, psicologi e filosofi

    Rimini, 17 ottobre 2020 – Quali sono i desideri, le passioni, le nuove e le vecchie identità che si consumano e si rinnovano nelle relazioni fra uomo e donna? Quanto il retaggio culturale, il modo in cui ognuno di noi costruisce la propria identità e il proprio sistema di valori, determinano l’essere uomo oggi? Sono gli interrogativi su cui si misureranno esperti e operatori del settore nel ciclo di conferenze ”Relazioni, tra desiderio e identità”, promossa a Riminidall’Associazione DireUomo, centro di ascolto per uomini maltrattanti.

    Con la rassegna, DireUomo propone una riflessione e un confronto sulla violenza di genere, tema che vede come suo primo protagonista l’uomo. Indagare intorno all’autore di violenza diventa prioritario, così come estendere e ampliare la riflessione sull’uomo in generale, per coglierne le fragilità e le risorse, a fronte di un cambiamento di tipo identitario.

    Tre gli appuntamenti in programma fra ottobre e novembre nella Sala del Giudizio del Museo della Città di Rimini (via Tonini 1).

    Venerdì 23 Ottobre alle 16.30 focus su “La violenza maschile contro le donne: un cambiamento è possibile!” con i fondatori dell’associazione “Senza Violenza” di Bologna: Paolo Ballarin (psicologo, counselor e psicoterapeuta), Giuditta Creazzo (ricercatrice, socia fondatrice della Casa delle donne di Bologna) e Gabriele Pinto (psicologo psicoterapeuta). Saranno presenti la vicesindaca con delega alle Politiche di genere del Comune di Rimini Gloria Lisi, l’assessora regionale alle Pari opportunità Barbara Lori e la presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna Emma Petitti.

    Venerdì 13 novembre alle 17 Lorenzo Gasparrini, filosofo femminista, approfondirà il ruolo degli uomini nel femminismo nell’incontro intitolato “Non sono maschilista, però…”, con la partecipazione della giornalista Vera Bessone del Coordinamento Donne Rimini.

    Sabato 28 novembre alle 10 il ciclo si concluderà con “Abitare l’irrazionale”, conferenza a tre voci con l’Associazione DireUomo. Stefano Romualdi parlerà di “Freud, un animo in guerra”; Vincenzo Vannoni de “Il sentimento della paura e le risorse dell’umano”; Donato Piegari de “Le ombre della ragione: la malvagità come espressione di razionalità”.

    Nei tre appuntamenti sarà disponibile un bookshop a cura di Libreria Riminese.

    L’Associazione DireUomo è uno spazio di ascolto per uomini maltrattanti che nasce a Rimini nell’ambito del contrasto alla violenza di genere.

    L’Associazione interviene sul disagio relazionale, attivando percorsi individuali e di gruppo, allo scopo di promuovere un atteggiamento maschile consapevole e contrastare comportamenti violenti e di prevaricazione verso le donne.