Rimini. Risarcimento alle vittime di truffe su conti correnti online e carte di credito La Lega Consumatori di Rimini vince i ricorsi

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Risarcimento alle vittime di truffe su conti correnti online e carte di credito

    La Lega Consumatori di Rimini vince i ricorsi

     

    (Rimini, 29 novembre 2022) – La Lega Consumatori di Rimini denuncia un «incremento esponenziale di truffe bancarie», che colpiscono le operazioni bancarie e i pagamenti con le carte di credito.

    Numerosi sono i riminesi che si rivolgono settimanalmente allo sportello dell’associazione e in particolare all’avvocato Emanuele Magnani, esperto in materia bancaria finanziaria, in quanto vittime di prelievi illeciti su conti correnti e carte di credito, e alcune di loro hanno deciso di fare ricorso all’Arbitro bancario e finanziario al fine di dimostrare la responsabilità della Banca e ottenere un giusto risarcimento.

     

    Infatti, nella gran parte dei casi si tratta di fenomeni chiamati tecnicamente phishing, pharming, smishing e vishing. Il denominatore comune è sempre lo stesso, la vittima viene ingannata camuffando la truffa come comunicazione ufficiale delle Poste o dell’Istituto Bancario. Il phishing è il tentativo di truffa attraverso le comunicazioni via mail. Smishing e vishing, invece, sono delle tecniche che si strutturano attraverso sms e telefono.

    L’obiettivo è sempre lo stesso: ingannare e tentare di innescare un meccanismo in grado di estorcere dati sensibili come numeri del conto corrente e delle carte di credito.

     

    Non è sempre colpa della vittima di reato. Lo ha affermato in più occasioni l’Arbitro bancario e finanziario di Bologna, adito dal legale, affermando la responsabilità della Banca che non aveva dimostrato di aver adottato un «sistema di protezione forte» che potesse evitare l’imbroglio e restituendo il maltolto all’ignaro correntista.

     

    «Tutti possiamo essere vittime di questi reati, anche persone giovani e preparate. Non c’è un profilo tipo, avendo difeso il laureato professionista, il bancario o il pensionato – afferma l’avv. Magnani –. I provvedimenti dell’Arbitro riequilibrano il rapporto di debolezza del correntista rispetto agli istituti di credito, che debbono migliorare sensibilmente i sistemi di protezione delle proprie piattaforme online. Non può ricadere solo sulla vittima di reato, la sottrazione di denaro dal suo conto corrente».

     

    Per info e appuntamenti: [email protected] oppure 0541 784193.