Risoluzione su porti aperti, no del Parlamento Ue. Il M5S si astiene

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Bocciatura del Parlamento europeo alla risoluzione che chiedeva l’apertura dei porti alle Ong: 290 voti contrari contro 288 favorevoli, 36 astenuti tra cui la delegazione a Bruxelles del Movimento 5 Stelle

Il Parlamento europeo ha respinto la risoluzione sui salvataggi in mare dei migranti che, tra le altre cose, chiedeva l’apertura dei porti alle organizzazioni non governative e il divieto di criminalizzazione delle attività di assistenza in mare.

Appena due i voti di scarto, 290 contrari contro 288 favorevoli. 36 gli astenuti, tra cui gli eurodeputati del Movimento 5 Stelle che avevano presentato insieme a Socialisti e Verdi un emendamento per introdurre a livello Ue un sistema obbligatorio di ricollocamento dei migranti.

La plenaria di Strasburgo si è spaccata tra progressisti e popolari/populisti, anche se si sono registrati molti voti in dissenso rispetto alle intenzioni di voto dei vari gruppi. La risoluzione, bocciata sul filo di lana, raccomandava gli Stati membri di “mantenere i loro porti aperti alle navi, comprese le navi delle ONG, che hanno effettuato operazioni di salvataggio intendono far sbarcare i passeggeri“. La prima versione del documento, così come approvato dalla commissione Libertà pubbliche, prevedeva anche di vietare la “criminalizzazione” a livello europeo delle attività di soccorso in mare.

Inoltre, come detto, al testo si era aggiunto un emendamento proposto in modo congiunto da Socialisti&Democratici, Verdi e 5 Stelle per la creazione di un “un meccanismo permanente e obbligatorio di ricollocamento per gli arrivi via mare“, oltre a “potenziare le operazioni proattive di ricerca e soccorso fornendo una quantità sufficiente di navi e attrezzature specificamente dedicate alle operazioni (…) lungo le rotte sulle quali possono contribuire efficacemente al salvataggio di vite umane“. A cui aggiungere poi una possibile missione di salvataggio Ue “coordinata da Frontex” o una serie di “operazioni internazionali, nazionali o regionali distinte, preferibilmente civili“. Un frullato di proposte bocciato, anche se con scarto minimo, dall’Europarlamento.

I gruppi che hanno votato a favore sono stati S&D, Renew Europe (liberali), Verdi e Gue (sinistra radicale). Contrari, invece, Partito Popolare Europeo (Forza Italia), Conservatori e Riformatori Europei (Fratelli d’Italia) e Identità e democrazia (Lega). Soddisfatto Antonio Tajani (Fi): “La risoluzione Ricerca e Soccorso votata oggi equiparava le ONG alle Forze dell’ordine,chiedeva agli Stati membri di condividere informazioni sensibili con le ONG e garantire porti sempre aperti per le loro imbarcazioni. Noi abbiamo evitato tutto questo“. D’accordo anche il segretario della Lega, Matteo Salvini: “L’Europarlamento ha bocciato una risoluzione per spalancare i porti alle ong. Vittoria della Lega e dell’Italia: non perdoniamo chi infrange le nostre leggi, vuole riempirci di clandestini e ha messo a rischio la vita dei nostri finanzieri come fatto da Carola Rackete”. Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com