Roma, fermati due sospettati per l’omicidio di Luca Sacchi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Carabinieri e polizia hanno fermato due ragazzi di 20 e 25 anni, di Roma, sospettati di aver ucciso Luca Sacchi. Uno ha precedenti per droga.

Sono stati fermati questa notte i presunti assassini di Luca Sacchi, il 24enne che ieri era stato colpito alla testa con un colpo di arma da fuoco.

Il ragazzo aveva cercato di difendere la ragazza, durante una rapina.

Intonro alla mezzanotte di ieri, Luca e Anasrasia erano stati aggrediti da due criminali, poco fuori da un pub di Roma: i due avevano colpito la ragazza alle spalle, strappandole lo zainetto. Il 24enne aveva reagito, per difendere la fidanzata, ma uno dei due aggressori gli aveva sparato, ferendolo alla testa. Immediati i soccorsi e la corsa in ospedale, dove Luca è stato operato d’urgenza. Ma per il giovane non c’è stato nulla da fare ed è morto qualche ora dopo.

Ora, i carabinieri avrebbero individuato due sospettati, fermati intorno alle 3.00 di questa notte. Da ore, il pm, sta interrogando gli aggressori, uno dei quali è sospettato di omicidio volontario. I due, secondo quanto riporta AdnKronos, avrebbero 20 e 25 anni e sarebbero residenti a Roma.

I due ragazzi fermati questa notte sono stati individuati grazie alle immagini registrate dalle telecamere di sicurezza di alcune attività commerciali, situate vicino al luogo in cui è stato ucciso Luca. Fondamentali per individuare i due malviventi anche le testimonianze di chi ha visto o sentito la scena: i testimoni, infatti, avevano raccontato di aver sentito due uomini, che parlavano con accento romano, che sarebbero poi fuggiti, forse a bordo di una smart bianca. Proprio l’auto avrebbe tradito i due. Secondo quanto appreso da AdnKronos, infatti, i sospettati sarebbero stati rintracciati dai carabinieri nella zona di Roma Sud, dove abitano, grazie al riconoscimento dell’auto che hanno usato per la fuga. Uno dei due avrebbe precedenti per droga, mentre l’altro (presunto autore dell’omicidio) sarebbe incesurato. Intanto, secondo quanto emerso nelle ultime ore, sembra farsi strada la pista della droga. Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com