Roma-Spezia, Garcia: “Voglio la Coppa Italia, ma perché di martedì alle 14.30?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • garciaL’Olimpico, con meno di 4mila spettatori, sarà deserto. La Roma è stanca, l’appuntamento con lo Spezia in Coppa Italia arriva in un momento delicato della stagione, ma Rudi Garcia invita la sua squadra a non sottovalutare l’appuntamento: “Vogliamo superare il turno e andare ai quarti, senza dubbio. Per questo non snobberemo l’avversario e metteremo la squadra più competitiva per passare. D’altronde, la Coppa Italia è la strada più corta per vincere un trofeo”.
    NIENTE SCHERZI — Garcia sa che la Roma ha tutto da perdere domani, per questo ci tiene – eccome – ad andare avanti senza soffrire: “Lo Spezia è una buona squadra, anche se non avrà Calaiò squalificato. E noi la rispettiamo, dobbiamo dare anche più del 100%”. La Roma è nella parte che sembra più agevole del tabellone, senza Inter e Juve: “Prima vinciamo la nostra partita e poi ne parleremo”. Garcia preferisce parlare dell’ambiente in cui giocherà la Roma: “Non capisco perché ci fanno scendere in campo alle 14.30, ci sarà un Olimpico vuoto, questo significa non permettere ai tifosi di venire allo stadio. Già c’è un problema di tifoseria nella nostra città, mettere una partita in quell’orario in mezzo alla settimana non ha senso. In Francia la coppa nazionale è molto emozionante e io lo so perché l’ho vinta, mi piacerebbe replicare anche a Roma. Dobbiamo giocare al massimo per evitare sorprese”.
    TURNOVER — Sicuramente domani il tecnico farà giocare i calciatori fin qui impiegati meno: “Ho fiducia in questa rosa, domani chi non sarà stanco o infortunato potrà giocare, conto su tutti perché la freschezza fisica e le motivazioni saranno importanti. Keita e Gervinho non ci saranno (il maliano ha un affaticamento alla coscia destra, ndr), in porta ci sarà De Sanctis”. Mancherà anche Totti: “Quando è concentrato sulla palla pensa meno al suo infortunio muscolare e alle sue sensazioni, che non sono ancora al 100%. Tornerà a gennaio”. Convocati, invece, gli onnipresenti Digne e Manolas: “Kostas ha preso un colpo a Napoli e ha lavorato in palestra, ma sarà convocato perché sta bene, così come Lucas”.
    IL CAMPIONATO — Dalla Coppa alla Serie A. Garcia, che non ha fatto la classica conferenza ma è stato intervistato solo da Rai e Roma Tv, non è preoccupato dai 7 punti di distacco dalla vetta della classifica: “Dopo la partita di Napoli i ragazzi sapevano di aver fatto un’ottima gara sul piano difensivo, è un risultato importante che ci mantiene in alto, non troppo lontani dalla vetta. Abbiamo ancora tempo per tutto”. Dello stesso avviso anche Nainggolan, che però avvisa: “Eravamo una macchina da gol, ora ci siamo fermati, ma sappiamo che dobbiamo migliorarci”.
    I CONVOCATIPortieri Lobont, Szczesny, De Sanctis. Difensori Florenzi, Maicon, Manolas, Rüdiger, Castan, Gyomber, Digne, Emerson Palmieri.Centrocampisti De Rossi, Pjanic, Nainggolan, Uçan, Vainqueur, D’Urso.Attaccanti Iago Falque, Iturbe, Salah, Dzeko, Sadiq, Di Livio.
    La Gazzetta dello Sport