Rotte le trattative tra Scm e sindacati: proclamato sciopero di otto ore

  • Le proposte di Reggini Auto

  • La decisione dopo l’incontro di oggi tra la Direzione Aziendale del Gruppo ed il Coordinamento Sindacale per discutere sulla continuazione della Cassa Integrazione Ordinaria per un ulteriore periodo di 13 settimane.

    Continuazione a partire dal 14 aprile e fino a metà luglio, per quasi la totalità dei dipendenti degli stabilimenti officine di Rimini e Villa Verucchio, DMC, Gabbiani Mahros della provincia di Rimini, Morbidelli di Pesaro e Stefani di Thiene.

    Nell’incontro l’Azienda ha dichiarato che l’ingresso ordini è pari al 60% in meno rispetto all’anno scorso, con punte anche del -70%. Un calo tale che, se non ha portato l’Azienda ad avviare la procedura della Cassa Integrazione Straordinaria (che prevedeva 400 esuberi strutturali e 500 dovuti alla flessione del mercato), la costringerebbe però a programmare la C.I.G./O. dal 20 al 25% di lavoratrici/ lavoratori sospesi a 0 ore per tutta la durata del periodo. Il rimanente 75-80% a orario ridotto di 8/16 ore settimanali.

    Un modo, dicono i sindacati, per mettere comunque fuori dal processo produttivo 400 persone. I sindacati chiedono invece la rotazione della Gigo senza la sospensione a 0 ore per nessuno. Richiesta respinta e che ha portato alla decisione dello sciopero: le modalità verranno definite nelle assemblee coi lavoratori in programma domani mattina nelle officine di Rimini e Villa Verucchio.