Rubrica ”I nuovi nati” de L’Informazione. Nell’Ospedale di Stato a fotografare i bebè ci andava Pinzari, l’extracomunitario in nero. Chi lo ha autorizzato?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

nuovi natiLa notizia che vi stiamo raccontando ha del clamoroso!

Abbiamo visto con quale sfrontatezza il Direttore de L’Informazione, noto quotidiano sammarinese, Carlo Filippini mi ha querelato sapendo che quello che avevo scritto (Lavoro nero ed abuso edilizio nella redazione dell’Informazione) fosse vero.

E cosa dire quando si è lanciato in una campagna contro il lavoro nero nelle redazioni dei giornali, addirittura – lo ammette lui di fronte al giudice – rifiutando i soldi dello stato (provvidenze editoriali) per metterli in un fondo per i controlli nelle redazioni dei giornali! Quando lui stesso, nella sua redazione – è stato provato e per questo sono stato assolto dal giudice di Rimini – aveva un extracomunitario moldavo in nero da diversi anni.

Ma la storia di questa arroganza e senso di impunità da parte del Filippini si arricchisce di un nuovo episodio.

L’Informazione ogni venerdì pubblica un inserto con le foto dei nuovi nati nella Repubblica di San Marino, con tanto di sponsor felici di pagare una pagina dove viene accoppiata la loro immagine affianco ai nuovi bebè. Ebbene sapete chi manda Filippini a fare le foto (ci sono diversi testimoni)? Filippini manda l’extracomunitario che lavora in nero per lui.

Cioè un lavoratore in nero fa delle foto in uno stabile pubblico! Naturalmente autorizzato anche perché non entri senza autorizzazione nel nostro ospedale di Stato, che è struttura pubblica! Nessuno di chi è predisposto al controllo, di chi autorizza l’entrata nel reparto pediatrico, ha pensato bene di fare un incrocio con i dati dell’ufficio del lavoro! E scoprire che la stessa persona che è stata autorizzata era un lavoratore extracomunitario abusivo ed in nero?

Questa a mio parere è una mancanza gravissima da parte del nostro settore pubblico o addirittura della segreteria preposta a fare questi controlli. Facciamo entrare chiunque, purché presentato da un sammarinese, a fare le foto ai nostri nuovi nati? Incredibile.

Ma forse anche questo è la dimostrazione che il paese è allo sbando. Naturalmente governo, sindacati, organizzazioni, partiti tutti zitti. Perché? C’è anche chi invita giornalisti de L’informazione, probabilmente al corrente di questa situazione di illegalità, alle loro serate informative!

Perché non fanno una serata sul lavoro nero? Magari nelle redazioni dei quotidiani sammarinesi. Troppo facile fare i finocchi con il culo degli altri!

Ma dove vogliamo andare?

 

Marco Severini – Direttore del Giornalesm.com

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com