Russia, esplosione nel centro virus segreto. È allarme per la dispersione di Vaiolo, Ebola e Antrace

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Un incendio in un laboratorio in Russia sta destando molta preoccupazione in tutto il mondo. L’esplosione è deflagrata durante i lavori di ristrutturazione di una sala di ispezione sanitaria al quinto piano del ‘Centro di ricerca statale di virologia e biotecnologia’, noto come Vector, a Koltsovo, nella regione di Novosibirsk in Siberia. Ad allarmare gli scienziati, la presenza nello stabile di campioni di virus letali come Antrace, Ebola e Vaiolo. che vengono utilizzati a scopo di ricerca. Leggi anche > Ameba mangiacervello contratta mentre fa un bagno al fiume, morta bambina di dieci anni A causare l’esplosione sarebbe stata una fuga di gas, ma tutt’ora c’è un indagine aperta. Un uomo è rimasto ferito ed è stato ricoverato in ospedale con ustioni di terzo grado. Il centro Vector, istituito nel 1974, era in epoca sovietica un istituto ‘off-limits’ e guidava lo sviluppo di vaccini nonché la ricerca per la protezione contro le armi batteriologiche e biologiche. Le autorità hanno tenuto a precisare che nella stanza dove è divampato l’incendio non erano presenti sostanze a rischio biologico e che non è stato causato alcun danno strutturale. Ma resta comunque alta l’allerta e la paura. Il centro Vector e l’unico al mondo, insieme all’US Center for Disease Control di Atlanta, a contenere questo tipo di virus. Proprio in Russia nel 2004 un ricercatore morì per essersi punto con una siringa contaminata da virus Ebola. Leggo