Sabato Marracash live al Velvet

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Nato nella Dogo Gang, cresciuto in periferia – non quella delle canzoni, ma quella vera, dove le ragazze sognano Paris Hilton e i maschi devono scegliere fra la strada e l’oratorio – periferia metropolitana e degradata; cresciuto al punto da saperne dare un ritratto rovente, magari sfiorando la citazione di John Fante (“Chiedi alla polvere”) e sentendosi raro come un’antilope Orice nei campi desolati della Barona. Ecco in due parole il curriculum vitae di Marracash.

    Che però non dice nulla della sua visione del mondo. Ascoltandolo scoprirete che nel bianco e nero neorealista di Marracash si riflette il mondo italiano (“Bastavano le briciole”) dell’anti-miracolo economico, la disillusione e la ri-discesa all’inferno di chi ha sognato un ettaro di paradiso piccolo-borghese e non ce l’ha fatta. Di chi ha giocato e ha perso – e capisce che è venuto il momento di alzarsi e lasciare il tavolo.

    Ma nei testi di Marracash non c’è solo posto per considerazioni amare sulla difficoltà di vivere; c’è anche l’orgoglio di chi ha imparato a tenere duro, e poi anche il divertimento di chi per un attimo riesce a buttarsi alle spalle la sua vita agra: se Marracash dice “nella testa c’ho un grosso bordello che fa badabum badabum cha cha” non vi sembra che sia tornato il tempo di “be-bop-a-lula she’s my baby”, quando lo scioglilingua serviva a definirsi diversi, diversi e lontani tanto dalla retorica dei testi leziosi e sdolcinati, quanto da quelli pseudo intellettuali e finto intelligenti? Pochi versi più tardi abbiamo la conferma che, al suo grido, Marracash affida il compito di liberare una rivolta contro gli stereotipi neoconformisti: “non come questi emo omo e mucho macho” dice Marra – giusto per ribadire (se ce ne fosse bisogno) che lui non si lega alla schiera dei tronisti della De Filippi o a quella di chi sogna la vita da Billionaire, né ai seguaci delle mode (musicali e no).

    Marracash sa dire tutto questo, e anche di più, lasciando all’ascoltatore la sensazione piena di un rapper che sa di dover fare musica, per poter passare l’esame – e allora ecco che le sue basi si sviluppano evitando le trappole del già sentito, dell’ovvio, del prevedibile.

    C’è sangue e anima, in questi solchi (ma si possono chiamare ancora così nell’era della musica digitale? Risposta: sì), in parole e musica. C’è il mondo di Marracash – dove trova posto anche un ospite di riguardo come J Ax (“Fattore wow”), e non importa se questo mondo, alla fine, non sembri altro che un’enorme zona franca – o un colossale bordello. Una babilonia di voci diverse, a formare un unico suono, un unico ritmo, un unico pulsante battito di cuore. Badabum, badabum cha cha.

    www.marracash.it

    www.myspace.com/marracashonline

     

    Dalle ore 20:00 puoi cenare a Velvet Vertigo!

    Menù Pizza: pizza e bevanda € 10,00

    Primi Piatti € 6,00

    Hamburger + Patatine + Bevanda € 10,00

    Piatto misto Salumi, Formaggi e Fornarina € 10,00

     

    ampia scelta di Vini e Birre di qualità!

     

    è vivamente consigliata la prenotazione: Lu 339.7571399

     

    Apertura porte: ore 22:00

    Inizio concerto: ore 23:15

     

    ore 00:45: DANCEFLOOR:

    R.E.M.: Thomas Balsamini / Lappa (indie-electro-pop-rock a 360°)

    NOISE: Fede / Virgilio / Fluke / Lupo (true rock sounds)

    ELEKTRA: DJ ELEPHANT POWER (BE) / Cubi (future sounds of velvet)

     

    VVV (Velvet Video Vibes): Feel

     

    Ingresso: live € 10,00 / creative fun € 10,00 ridotto e consumazione con flyer (entro l’01:30) o lista / € 13,00 intero e consumazione

     

    Bus gratuito: Stazione FS Rimini – Velvet ogni ora A/R dalle ore 21:00 alle ore 04:30

     

    info liste (entro le 23:30): 339.7571399 / 328.2610098

    Velvet Club
    Comunicato Stampa