Salvata la Grecia, chi salverà San Marino ?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ho seguito con trepidazione le vicende di qualche paese dell’Unione Europea in gravi difficoltà finanziarie, soprattutto, della Grecia che ha visto un impegno straordinario a livello internazionale per salvarla dalla bancarotta.

Quando i conti pubblici non sono a posto, la spesa facile porta al debito quando ci si allontana da una gestione rigorosa, prudente e programmata, i rischi di una crisi di sistema si moltiplicano.

Non sono ancora tranquillo sul destino dell’euro e sul risanamento finanziario perché non si è ancora messo mano alle regole mondiali per imbrigliare la speculazione con l’obiettivo di mettere fine all’economia di carta e favorire l’economia reale.

Però mi è piaciuto l’intervento solidale dell’Europa dalla quale, inspiegabilmente San Marino vuole rimanere estranea. La crisi sammarinese è sempre più pesante. Le finanze pubbliche corrono verso il debito, le imprese chiudono le attività, la disoccupazione aumenta di giorno in giorno, il rapporto con l’Italia continua a essere negativo, l’operato del governo è frammentario, senza un progetto di futuro, senza una politica economica e finanziaria, senza il rinnovamento e il cambiamento che la situazione esige. I dati di sistema, la situazione di Tesoreria, il risultato della riserva imposta dalle banche, il testo parafato con l’Italia, l’indebitamento dello Stato verso l’ I.S.S. , la situazione dei fondi pensione, sono elementi sui quali viene tenuto il segreto di Stato, addirittura il segretario della Democrazia Cristiana non conosce la situazione finanziaria e deve entrare nella Segreteria di Stato per affermare che è la prima cosa da fare ! Anche la maggioranza, perciò è tenuta all’oscuro della gestione statale di un governo immobilistico che si sta sciogliendo come neve al sole e neppure se ne accorge.

La mia preoccupazione è che i conti di bilancio siano messi male, mentre la spesa facile, quella clientelare e demagogica continua.

Che gli accordi parafati con l’Italia siano sfavorevoli per San Marino – Che non si voglia prendere decisamente la strada del cambiamento della trasparenza – Che il Governo non è interessato alla riconversione dell’economia, al riposizionamento internazionale alla creazione della nuova San Marino e neppure alla chiusura e alla migrazione di aziende che sono la vita del Paese. Non prende in considerazione la vita del Paese; non prende in considerazione l’adesione all’ Unione Europea; non capisce che per rilanciare su basi nuove il sistema occorrono finanziamenti superiori al miliardo di euro; non ha la consapevolezza della gravità di una crisi che durerà molto e ridimensionerà notevolmente la nostra economia.

Di questo passo chi salverà San Marino ?

Alessandro Mancini

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com