San Giovanni a caccia del primo hurrà del Q2 contro la Juvenes Dogana. Intervista con il Presidente Venturi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Riceviamo e pubblichiamo

    San Giovanni a caccia del primo hurrà del Q2 contro la Juvenes Dogana sempre sconfitta in stagione, ma il presidente Massimiliano Venturi non si fida: “Concentrazione massima per portare a casa tre punti fondamentali e tenere vivo il sogno playoff”

    Se non è l’ultima chance per agganciarsi al treno playoff poco ci manca. Il San Giovanni attende infatti domani alle 15 sul campo di Fiorentino la Juvenes Dogana con l’obiettivo di infilare il primo successo del Q2 e riscattare il passo falso di domenica scorsa contro il Fiorentino. L’ennesima occasione persa per ingenuità e “harakiri” in questa seconda fase che i ragazzi di mister Baffoni hanno iniziato con un doppio pareggio dai mille rammarichi. In vantaggio in entrambe le occasioni (la seconda volta addirittura per 3-1 al 90’ in 11 contro 10) non sono ancora riusciti ancora a fare bottino pieno e il  calendario pare fornire il suo miglior assist: la Juvenes Dogana è infatti ancora a secco e reduce da dieci sconfitte in altrettante gare fra stagione regolare e Q1, ma il presidente Massimiliano Venturi non si fida e anzi, dicendosi perplesso e quasi incredulo per il ruolino della truppa del neo allenatore Ignazio Damato, invita la sua squadra a stare più che sul pezzo. 

    “Loro hanno evidentemente qualche problema che non riesco a comprendere considerata l’ottima rosa, ma quella che ci aspetta è una gara pericolosissima da affrontare con concentrazione massima e grandissima voglia di recuperare il terreno perduto” carica la truppa il patron.

    Dalla lista dei convocati restano ancora fuori Tamagnini e Urbinati (rientrati solo in settimana dalla vacanza in Thailandia) ed entra invece per la prima volta il neo arrivato Righini, un’arma in più nella faretra dello staff tecnico. “Non possiamo sbagliare, è tempo di rimetterci subito in moto perché i nostri due punti dovevano essere almeno sei-sette per quanto fatto e disfatto in ogni partita. Siamo in un girone è molto equilibrato in cui Pennarossa, Domagnano, Faetano e la stessa Juvenes sulla carta hanno qualcosa in più ma vogliamo provare a stare in zona playoff fino all’ultimo secondo e dobbiamo portare assolutamente a casa il bottino pieno” prosegue Venturi: “Siamo partiti con un progetto nuovo, conosciamo i nostri limiti e facciamo un passo alla volta: dobbiamo quindi vivere partita per partita, affrontandole tutte con il giusto atteggiamento ed eliminando quelle ingenuità che ci stanno costando troppo care”.

    Nicola Strazzacapa