SAN MARINO. AASPL: ”Rotatoria Tavolucci, un lavoro non più procrastinabile”

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Il progetto tiene conto di tutte le problematiche della zona e si basa sulla necessità di rendere sicure le strade sammarinese diminuendo l’incidentalità.

    La cronistoria del progetto e tutti i dettagli sull’opera.

    L’Azienda Autonoma di Stato per i Lavori Pubblici che cura la costruzione della nuova rotatoria sulla Superstrada in zona Tavolucci, pur ribadendo di voler restare fuori dalla discussione politica che si è recentemente scatenata intende portare all’attenzione dei cittadini alcuni dati utili a comprendere meglio il lavoro e il percorso che ha portato all’inizio dei lavori stessi.

    Nello specifico è bene ribadire come il progetto sia precedente a questo Governo e a questa gestione dell’AASLP che oggi intendono però portarlo avanti a tutela delle priorità alla base dell’iniziativa quali la messa in sicurezza di tratti critici della nostra rete stradale, la riqualificazione dell’asse viario “San Marino-Rimini”, la ridefinizione dei percorsi pedonali interni alla zona servizi, la ridistribuzione delle aree da destinarsi ad attività sportive e la ridefinizione delle aree di sosta a seguito delle modifiche effettuate. Il progetto tiene conto dei carichi del traffico e dell’incidentalità automobilistica e pedonale relativa al periodo 2008-2014, rilevata dalle forze dell’ordine. Il progetto coinvolge solo aree di proprietà dell’Ecc.ma Camera (Foglio 30 mappale 18) e si propone di risolvere il problema dell’alta incidentalità stradale delle zone “incrocio con Via Cà dei Lunghi”, “fronte piscina” e “ingressi centri uffici” ma anche, in seconda istanza, il problema dei percorsi pedonali e quello dei parcheggi.

    Nello studio si tiene conto dello stato di degrado delle aree sportive (tennis) e dei muri di sostegno delle stesse ma anche dell’evidente deperimento dell’area verde che presenta in gran parte piante alloctone.

    Riteniamo positiva la volontà di intervento da parte di questo Governo e della stessa AASLP su un progetto la cui realizzazione non è più rimandabile.

    La prima delibera di orientamento della CPT è datata 04.10.2013 e si chiedeva la progettazione della zona servizi Calintufo comprendente anche viabilità e parcheggi, con l’inserimento di una rotonda nell’incrocio fra via Calintufo e via XXVIII Luglio (prot. n.456/2013 Territorio a firma Silvia Santi).

    L’8 agosto 2016 il Segretario di Stato per il Territorio Teodoro Lonfernini dava parere positivo alla progettazione definitiva insieme alla Giunta di Castello di Borgo Maggiore (che suggeriva il collegamento pedonale fra il Centro G e il Centro Uffici) e del CONS (che chiedeva di ricollocare i campi da tennis a monte della piscina).

    La proposta di PP venne inviata il 17.05.2017 e prevedeva la costruzione di un campo da tennis a monte della piscina.

    Il CTS, nella seduta del 24.07.2017, delibera n.38/2017 approvò invece lo screening e la delibera per sottoporre la proposta alla valutazione dello studio Mobility in Chain per la compatibilità con la proposta nel nuovo PRG ma espresse parere negativo all’inserimento del campo da tennis a monte della piscina e ribadì come l’ipotesi di inserimento di una rotatoria alternativa all’incrocio fra via Ca’ dei Lunghi e via Ventotto Luglio non risultasse praticabile.

    Il 20.06.2017 l’Ufficio progettazione inviò foto a integrazione di CTS e CPT.

    Il 22.02.2018 venne inviata al CTS e alla CPT la variante al progetto, redatta in base alle indicazioni del CTS, nella quale non è più presente il campo da tennis; il CTS approva la variante con delibera n.17 del 27.03.2018; la CPT adotta il progetto con delibera n.1 del 29.03.2018 (CPT-00324).

    AASLP intende anche far chiarezza sulle tipologie di intervento che verranno realizzate.

    La messa in sicurezza dello svincolo fra via Ventotto Luglio e via Ca’ dei Lunghi e, più in generale, degli accessi e delle immissioni sulla superstrada nel tratto antistante la zona servizi si ottiene con l’inserimento di una rotatoria all’altezza di via Calintufo. Uno svincolo che consente ai veicoli provenienti da San Marino di imboccare via Ca’ dei Lunghi tramite inversione di marcia e svolta a destra; per coloro che provengono da Domagnano sarà possibile raggiungere la zona Boschetti passando da via Calintufo, senza dover pertanto raggiungere la rotatoria di via del Bando. Verrà chiuso il passo a raso di accesso a via Ca’ dei Lunghi e sarà riconfigurato lo svincolo con via dei Boschetti il cui accesso sarà allargato fino al confine di proprietà dell’Ecc.ma Camera, migliorando sensibilmente la manovra in ingresso dei veicoli, particolarmente di quelli di grandi dimensioni.

    L’immissione di via dei Boschetti su via Ventotto Luglio è modificata secondo la norma relativa alle intersezioni a raso, consentendo inoltre la riduzione della velocità dei veicoli. In corrispondenza della nuova rotatoria viene realizzato, su ambo le direzioni di marcia della superstrada, un corsello dedicato alla sosta degli autobus di linea.

    In corsia ascendente il corsello svolge anche la funzione di viabilità secondaria per gli accessi alle proprietà private, mantenendoli al di fuori della rotatoria. Il collegamento pedonale fra le zone residenziali del Castello di Borgo Maggiore a monte e a valle della superstrada è possibile in corrispondenza dello svincolo a rotatoria (fase n.1) dove i veicoli avranno ridotto notevolmente la loro velocità. I nuovi marciapiedi possono collegarsi con quelli esistenti su ambo i lati della carreggiata in direzione valle. Il collegamento pedonale con il centro abitato di Cailungo (fase n.2) è previsto in via definitiva con un sottopasso pedonale posto a ridosso dell’impianto natatorio verso via Ca’ dei Lunghi (per tale intervento sarà necessario modificare il piano particolareggiato della zona R1 18), collegato a tutta la viabilità pedonale in superficie. All’interno dell’area servizi e sul suo contorno si realizzano nuovi marciapiedi per migliorare la fruizione degli spazi di verde attrezzato a partire dalle aree di sosta dei veicoli, particolarmente per le persone con ridotte capacità motorie. Sarà ridotto il traffico veicolare sulla rotatoria fra via Ventotto Luglio e via del Bando.

    La realizzazione dello svincolo a rotatoria consente di ridurre sensibilmente la velocità dei veicoli in ambo le direzioni della superstrada, con notevole migliorando delle condizioni di sicurezza per i veicoli in manovra da e verso le proprietà private (in particolare in corrispondenza degli accessi al Centro Uffici Tavolucci). Il progetto del nuovo svincolo a rotatoria, che prevede la demolizione degli attuali campi da tennis e delle aree limitrofe, consente la riqualificazione complessiva dei manufatti e la successiva piantumazione di specie arboree autoctone, queste ultime finalizzate alla mitigazione dell’impatto visivo ed acustico generati dalle nuove opere viarie. 

    Ing. Giuliana Barulli (Direttore AASLP): “Specificando dettagliatamente cosa verrà realizzato da AASLP in zona Tavolucci intendiamo eliminare ogni possibile strumentalizzazione politica verso un intervento non più procrastinabile che ha l’obiettivo di migliorare la sicurezza delle nostre strade ma anche dimostrare come siano state fatti ampi e puntuali studi relativi a quel tratto stradale e alle problematiche che fino ad oggi sono emerse. Mi preme che i cittadini comprendano il valore del lavoro che AASLP, su richiesta delle Segreterie di Stato competenti, ha svolto ma anche la dedizione e la precisione con cui i tecnici di AASLP lavorano quotidianamente. I nostri tecnici non meritano denigrazioni come quelle lette sui cartelli di chi protestava contro quest’opera, il personale dell’AASLP è una risorsa per il Paese che nel mio ruolo di Direttore intendo tutelare in ogni sede”.

    SAN MARINO, 19 settembre 2022