San Marino. Appello a chi ha perso con disonore: richiamate indietro i carri allegorici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Non si rassegna chi uscito dalla porta di banca Cis pretende ora di rientrare dalla finestra.

E ha del clamoroso che dopo che Bcsm, in seguito ad approfondite analisi che hanno richiesto molti giorni di lavoro, ha detto no alla proposta dell’investitore che senza i soldi necessari e senza averne i requisiti voleva comprarsi l’istituto, quello stesso investitore abbia presentato una nuova offerta.

L’obiettivo di prendere tempo e mettere sotto pressione Bcsm accusandola di colpe evidentemente non sue appare ogni giorno più chiaro.

E starebbe anche creando parecchio nervosismo all’interno del governo dove qualcuno avrebbe di nuovo minacciato di dimettersi e di nuovo sarebbe stato fermato con promesse e dichiarazioni di intenti addirittura diffuse a mezzo stampa.

E’ ovvio che un investitore che avesse i soldi necessari per risolvere i problemi di banca Cis sarebbe la soluzione ideale per tutti, a partire da Bcsm dove invece si sta correndo contro il tempo per scongiurare gli scenari peggiori.

Dare la possibilità a investitori senza requisiti di accedere alla banca metterebbe a rischio anche gli asset buoni dell’istituto, aprendo la strada a una nuova voragine per far fronte alla quale le spalle dei cittadini potrebbero non essere abbastanza larghe. E si metterebbe così a repentaglio la sopravvivenza stessa del Paese.

L’invito a chi ha perso con disonore è quello di richiamare indietro i propri carri allegorici.

La RepubblicaSM

San Marino. La verità su Banca Cis. Secondo Bonfatti patrimonio negativo di 70 milioni con quasi 200 milioni di NPL. Guidi & soci avevano dichiarato una perdita di 1.8 milioni. … di Marco Severini

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com