San Marino. Associazione Carità senza Confini, un container in partenza per un Centro ospedaliero in Congo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • L’Associazione Carità senza Confini ha intrapreso, nel 2016, il progetto di costruzione del Centro ospedaliero a Kalala-Diboko nella Repubblica Democratica del Congo. Questo progetto gode della formale approvazione del Vescovo della Diocesi di Luiza, dove sorge il Centro, e della Conferenza Episcopale del Congo. Il Centro è costituito da 4 padiglioni, distinti e separati, che ospiteranno rispettivamente il blocco operatorio, la degenza, la maternità e gli ambulatori e uffici amministrativi. Il Centro ospedaliero aiuterà la popolazione del luogo, composta da oltre 42.000 persone, che non ha accesso, anche per ragioni geografiche, ad ambulatori od ospedali e che muore per qualsiasi malattia o problema sanitario risolvibile. La gente del posto ha grande speranza in questo progetto come testimoniato direttamente a don Raymond Nkindji Samuangala, responsabile del progetto in loco, che ha visitato lo scorso agosto il Centro ospedaliero e, insieme con gli ingegneri del posto incaricati, ha visionato i lavori eseguiti e messo a punto quelli da fare. Ad oggi è stata completata la costruzione grezza dei 4 padiglioni, sono state fatte le divisioni interne e stanno proseguendo i lavori di completamento delle strutture. Proprio per portare a termine questi lavori, abbiamo predisposto un container che contiene vario materiale, in parte acquistato e in parte donato, che partirà il 17 febbraio prossimo. Anche in questa occasione abbiamo potuto sperimentare la pronta risposta di generosità e di solidarietà, da parte di ditte, di enti e di cittadini sammarinesi, alla nostra richiesta di collaborazione per aiutare la popolazione di questa zona povera del Congo. Con il container invieremo tutta l’attrezzatura per la sala operatoria e la sala parto, piastrelle e vernici, arredi e presidi medici, sanitari, vestiario e altro ancora. In questa occasione vogliamo evidenziare il grande impegno che si è assunta la Fondazione Graziana Graziani finanziando interamente la sala operatoria e sala parto: un gesto di grande generosità e sensibilità verso i poveri, che spesso soffrono per causa di ingiustizie e di indifferenza, e un riconoscimento di fiducia nei confronti di Carità senza Confini e delle sue attività, che ci onora e ci sprona a un sempre maggiore impegno per i poveri.

    c.s. Associazione Carità senza Confini