San Marino. Badanti, minacce di morte al Presidente del comitato civico #Rispetto Annarita Mauriello che denunciava il caporalato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Badanti: nel giugno scorso avevano presentato un esposto denunciando la piaga del caporalato in ospedale a San Marino, “sistema con tutti i tratti propri del ‘racket’” – si era detto allora; oggi il Comitato civico #Rispetto “si è forzatamente messo in posizione di pausa”. Ne dà notizia sul suo profilo Facebook la Vice Presidente Alba Montanari, riportando una nota che fa riferimento a “minacce di morte che hanno raggiunto il Presidente (Annarita Mauriello), per cui – si legge – non possedendo forze sufficienti per fronteggiare simili attacchi, non ha potuto che fermarsi”. La situazione avrebbe infatti portato alle dimissioni diversi membri del Comitato. L’intenzione tuttavia non è affatto quella di gettare la spugna, ma solo “un atto dovuto”. In sostanza – riporta ancora la nota – “si attendono tempi migliori per riportare il Comitato in attività anche con l’immissione di nuove forze, attive, capaci, coraggiose e pronte a difendere i più deboli e coloro che soffrono per i propri diritti umani e civili calpestati”. La questione è in mano agli inquirenti. San Marino Rtv

Leggi anche

San Marino. Racket lavoro nero badanti. Int. Annarita Mauriello: ”La caporale guadagna anche 40.000 euro al mese!”

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com