San Marino. Bollettino di statistica III trimestre 2019

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Comunicato_III_Trim_2019

    COMUNICATO STAMPA
    Bollettino di statistica III trimestre 2019
    (luglio-settembre 2019)
    L’Ufficio Informatica, Tecnologia, Dati e Statistica comunica la sintesi dei principali aggiornamenti dei dati statistici relativi a:
    • Popolazione
    Al 30 settembre 2019 la popolazione residente risulta pari a 33.538 unità (+0,4% rispetto a settembre 2018) e la popolazione presente, comprendente anche i soggiornanti, ammonta a 34.708 (+0,4% rispetto a settembre 2018).
    Analizzando lo sviluppo della popolazione presente negli ultimi dodici mesi è possibile constatare che i cittadini sammarinesi sono diminuiti di 21 unità e rappresentano l’80,6% della popolazione. I cittadini italiani, che rappresentano il 15,3% della popolazione, sono aumentati di 114 unità, pari al +2,2%, mentre gli abitanti con cittadinanze diverse da quelle appena elencate (4,2% della popolazione) hanno segnato un incremento del +2,1%.
    I nati vivi da gennaio a settembre 2019 ammontano a 171 (-14 rispetto allo stesso periodo del 2018), mentre sono stati 191 i deceduti nello stesso periodo, 14 in più rispetto ai primi nove mesi del 2018; il saldo naturale si presenta negativo di 20 unità.
    I matrimoni celebrati, ove almeno un coniuge è cittadino sammarinese, da gennaio a settembre 2019 sono stati 118 (uno in meno rispetto al 2018), di cui solamente 25 sono stati celebrati con rito religioso.
    Le famiglie ammontano a 14.402 unità (+98 nuclei rispetto all’anno scorso), con un numero medio di componenti pari a 2,32.
    Da gennaio 2019 il totale delle persone immigrate ammonta a 284 individui; in particolare, la provenienza della maggior parte degli immigrati è quella italiana (239 immigrati), così come la cittadinanza degli immigrati (196 individui hanno la cittadinanza italiana). Gli emigrati ammontano a 145 individui, di cui 106 hanno scelto l’Italia come destinazione. Gli emigrati con cittadinanza sammarinese sono 95 e 38 quelli con cittadinanza italiana.
    • Imprese
    Il numero totale delle imprese presenti ed operanti in Repubblica, al 30 settembre 2019, è pari a 5.032 registrando, rispetto al 30 settembre 2018, un incremento di 40 aziende (+0,8%). Analizzando il trend dell’ultimo anno, si rileva una sostanziale stabilità del numero delle imprese operanti nei vari settori; sono stati rilevati piccoli incrementi nelle sezioni: “Noleggio, Agenzie di viaggio, Servizi di supporto alle Imprese” (+23 unità pari al +13,3%), “Sanità e Assistenza Sociale” (+6 unità pari al +4,4%),”Attività Finanziarie e Assicurative” (+5 unità pari al +6,8%) e “Commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli” (+6 unità pari al +0,6%); mentre le “Attività Immobiliari” sono in diminuzione (-6 unità pari al -2,1%) così come il settore delle “Attività Artistiche, Sportive, di Intrattenimento e Divertimento” (-6 unità pari al -3,4%).
    Ufficio Informatica, Tecnologia, Dati e Statistica della Repubblica di San Marino
    www.statistica.sm 2
    Classificazione della sezione di attività economica: ATECO2007
    variazione dal 30 settembre 2018 al 30 settembre 2019 set-18 set-19 variazione variazione%
    Agricoltura, Silvicoltura e Pesca
    61
    61
    0
    0,0% Attività Manifatturiere 524 524 0 0,0%
    Fornitura di Energia Elettrica, Gas, Vapore e Aria Condizionata
    0
    1
    1
    100% Fornitura di Acqua; Reti Fognarie, Attività di Gestione dei Rifiuti e Risanamento 7 7 0 0,0%
    Costruzioni
    391
    392
    1
    0,3% Commercio all’ingrosso e al Dettaglio; Riparazione di Autoveicoli e Motocicli 1.082 1.088 6 0,6%
    Trasporto e Magazzinaggio
    104
    108
    4
    3,8% Attività dei Servizi di Alloggio e di Ristorazione 198 200 2 1,0%
    Servizi di Informazione e Comunicazione
    190
    191
    1
    0,5% Attività Finanziarie e Assicurative 73 78 5 6,8%
    Attività’ Immobiliari
    286
    280
    -6
    -2,1% Attività Professionali, Scientifiche e Tecniche 1.003 1.005 2 0,2%
    Noleggio, Agenzie di Viaggio, Servizi di Supporto alle Imprese
    173
    196
    23
    13,3% Amministrazione Pubblica e Difesa; Assicurazione Sociale Obbligatoria 2 2 0 0,0%
    Istruzione
    25
    29
    4
    16,0% Sanità’ e Assistenza Sociale 135 141 6 4,4%
    Attività Artistiche, Sportive, di Intrattenimento e Divertimento
    174
    168
    -6
    -3,4% Altre Attività di Servizi 561 558 -3 -0,5%
    Organizzazioni ed Organismi Extraterritoriali
    3
    3
    0
    0,0% Totale 4.992 5.032 40 0,8%
    A settembre 2019 la forma giuridica più diffusa è quella societaria con 2.707 unità, pari al 53,8%, con un incremento di 48 unità rispetto al mese di settembre 2018. Le attività libero professionali con 765 unità rappresentano il 15,2% del totale, in decremento di 24 unità nell’ultimo anno. Le imprese individuali artigianali contano 410 unità (8,1% del totale), 6 in più rispetto allo scorso settembre.
    La maggior parte delle imprese sul nostro territorio ha piccole dimensioni, infatti il 94% del totale ha meno di 10 addetti e il 51,5% ha un numero di dipendenti pari a 0.
    • Turismo
    Nei primi nove mesi del 2019 l’afflusso turistico è stato pari a 1.578.006 visitatori (+1,4% rispetto allo stesso periodo del 2018), analizzando il periodo estivo, rispetto al 2018, i mesi di giugno e settembre hanno registrato un incremento rispettivamente del +3,8% e del +5,7%, il mese di agosto ha registrato un incremento più contenuto pari al +0,9%. Luglio ha invece registrato un numero di visitatori inferiore con un decremento rispetto al 2018 del -1,7%. Il saldo negativo registrato nel mese di maggio (-10,3%) è dovuto a condizioni metereologiche particolarmente sfavorevoli registrate in quel periodo.
    Ufficio Informatica, Tecnologia, Dati e Statistica della Repubblica di San Marino
    www.statistica.sm 3
    Per quanto riguarda il turismo di sosta, da gennaio a settembre 2019 si sono registrati 86.114 arrivi (+29,9% rispetto allo stesso periodo del 2018) per un totale di 161.327 pernottamenti (+22,3%), con una media di 1,9 notti trascorse per ogni persona arrivata. I turisti che nel 2019 hanno scelto di pernottare a San Marino provengono per l’ 86,5% dall’Europa, il 5,7% dall’America e il 6,5% dall’Asia. L’Italia è il paese di provenienza della maggior parte di turisti (55,3% sul totale), seguita da Germania (6,2%), Regno Unito (2,8%) e Paesi Bassi (2,8%). Tra i paesi extra-europei, la maggior parte degli ospiti registrati nelle strutture, alberghiere e non, della Repubblica proviene dagli Stati Uniti (3,1%), dal Giappone (2%) e dalla Cina (1,4%).
    • Trasporti
    Al 30 settembre 2019 il totale dei veicoli registrati in Repubblica è di 52.840 (1.767 veicoli in meno nell’ultimo anno) e le immatricolazioni di veicoli, 2.618 nei primi nove mesi del 2019, hanno registrato una diminuzione di 220 unità (-7,8%) rispetto allo stesso periodo del 2018; un decremento imputabile prevalentemente alle automobili, che da gennaio a settembre 2019 hanno raggiunto 1.895 immatricolazioni, 213 in meno rispetto allo stesso periodo del 2018; il decremento ha coinvolto sia le auto usate che quelle di nuove.
    Nel primi nove mesi del 2019, sono diminuite le immatricolazioni di mezzi di lavoro, arrivate a 254 rispetto alle 267 dello stesso periodo 2018 (-4,9%), al contrario le immatricolazioni di veicoli a due ruote registrano un incremento di 6 unità rispetto all’anno precedente e risultano pari a 469.
    • Occupazione / disoccupazione
    Al 30 settembre 2019 le forze di lavoro complessive sono pari a 22.992 unità e rispetto al 30 settembre 2018 si evidenzia un incremento di 459 unità (+2%), imputabile prevalentemente ai lavoratori dipendenti del settore privato, che hanno raggiunto il valore di 16.335 (+3,3%) e, insieme a quelli del settore pubblico, rappresentano l’86,5% della forza lavoro. Le altre componenti della forza lavoro sono rappresentate da: 1.712 lavoratori indipendenti (7,4% della forza lavoro) e 1.305 disoccupati totali (5,7%), di cui 1.006 sono disoccupati in senso stretto.
    I lavoratori dipendenti del settore privato, nell’ultimo anno sono aumentati complessivamente di 527 unità; l’aumento più consistente risiede principalmente nel settore “Attività Manifatturiere” (+229 lavoratori pari al +3,7%), seguito dal settore del “Commercio” (+82 lavoratori pari al +3,1%) e da “Noleggio, Agenzie di Viaggio, Servizi di supporto alle imprese” (+58 lavoratori pari al +8,6%). Il settore “Attività Finanziarie e Assicurative” ha invece registrato una diminuzione del numero di dipendenti (-35 lavoratori pari al -4,8%).
    Nel Settore Pubblico Allargato i lavoratori sono diminuiti di 43 unità nell’ultimo anno, assestandosi a 3.640 (-1,2% rispetto al 30 settembre 2018). La diminuzione più consistente si registra nella Pubblica Amministrazione con -83 lavoratori pari al -3,9%. In controtendenza l’Istituto di Sicurezza Sociale, che ha registrato un aumento di 48 unità, pari al +4,6%.
    Classificazione della sezione di attività economica: ATECO2007
    variazione set-18/set-19 Set-18 Set-19 lavoratori %
    Agricoltura, Silvicoltura e Pesca
    35
    36
    1
    2,9% Attività Manifatturiere 6.224 6.453 229 3,7%
    Fornitura di Energia Elettrica, Gas, Vapore e Aria Condizionata
    0
    5
    5
    100% Fornitura di Acqua; Reti Fognarie, Attività di Gestione dei Rifiuti e Risanamento 59 69 10 17%
    Costruzioni
    895
    935
    40
    4,5% Commercio all’ingrosso e al Dettaglio; Riparazione di Autoveicoli e Motocicli 2.682 2.764 82 3,1%
    Trasporto e Magazzinaggio
    435
    449
    14
    3,2% Attività dei Servizi di Alloggio e di Ristorazione 1.013 1.024 11 1,1%
    Servizi di Informazione e Comunicazione
    759
    800
    41
    5,4%
    Ufficio Informatica, Tecnologia, Dati e Statistica della Repubblica di San Marino
    www.statistica.sm 4
    Attività Finanziarie e Assicurative 732 697 -35 -4,8%
    Attività’ Immobiliari
    86
    89
    3
    3,5% Attività Professionali, Scientifiche e Tecniche 803 830 27 3,4%
    Noleggio, Agenzie di Viaggio, Servizi di Supporto alle Imprese
    674
    732
    58
    8,6% Amministrazione Pubblica e Difesa; Assicurazione Sociale Obbligatoria 8 9 1 12,5%
    Istruzione
    60
    70
    10
    16,7% Sanità’ e Assistenza Sociale 273 271 -2 -0,8%
    Attività Artistiche, Sportive, di Intrattenimento e Divertimento
    193
    200
    7
    3,6% Altre Attività di Servizi 450 477 27 6%
    Attività di Famiglie e Convivenze Come Datori di Lavoro per Personale Domestico; Produzione di Beni e Servizi Indifferenziati per Uso Proprio da Parte di Famiglie e Convivenze
    425
    425
    0
    0,0% Organizzazioni ed Organismi Extraterritoriali 2 0 -2 -100,0%
    Totale settore privato
    15.808
    16.335
    527
    3,3%
    Settore Pubblico Allargato
    3.683
    3.640
    -43
    -1,2%
    Totale lavoratori dipendenti
    19.491
    19.975
    484
    2,5%
    Negli ultimi dodici mesi il numero di frontalieri è aumentato del 6,8%, raggiungendo la cifra di 6.319 lavoratori (+400 unità), pari al 31,6% del totale dei lavoratori dipendenti (un anno fa la stessa proporzione si attestava sul 30,4%); nella ripartizione per qualifica, i frontalieri sono principalmente “Operai” (57,2%) e “Impiegati” (40,7%), mentre solo l’1,6% rientra tra i dirigenti.
    Al 30 settembre 2019 i disoccupati totali ammontano a 1.305 unità (+13 rispetto al 30 settembre 2018); di questi, 1.006 sono disoccupati in senso stretto (-5 rispetto al 30 settembre 2018), ovvero coloro che si rendono immediatamente disponibili ad entrare nel mondo del lavoro. Tra i disoccupati in senso stretto, il titolo di studio prevalente è il diploma di maturità (36,7% del totale), mentre la percentuale di disoccupati laureati è pari al 12,9% con 130 unità.
    Tassi di lavoro e disoccupazione
    set-19 set-18
    Tasso di disoccupazione totale
    7,83%
    7,78% Tasso di disoccupazione in senso stretto 6,03% 6,09%
    Tasso di occupazione totale
    95,09%
    93,70% Tasso di occupazione interno 67,38% 67,59%
    • C.I.G.
    La cassa integrazione guadagni liquidata, nel periodo gennaio – giugno 2019, ammonta a €1.476.217, con un totale di 253 aziende che ne hanno fatto ricorso. Rispetto al primo semestre del 2018, si registra quindi un decremento del -14,8% in termini di importo liquidato e del -11,2% di aziende che ne hanno fatto ricorso.
    Tutti i dati del bollettino di statistica sono disponibili sul sito internet www.statistica.sm