San Marino. Caso asilo ai catalani indipendentisti con lo zampino della Russia. C’è un altro giornale spagnolo che ha trattato il caso: la Sexta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 

C’è un altro giornale on line spagnolo che non ha paura di pubblicare quanto scoperto sul caso asilo ai catalani indipendentisti con lo zampino della Russia a San Marino dopo lo scoop de EL PAIS. Si chiama la Sexta.

Ecco cosa scrive nell’articolo di 4 giorni fa, a voi la traduzione dallo spagnolo:

La conversazione di un ex leader della Convergenza con Puigdemont sul “piccolo uccello” che ha a Madrid.

La Sexta ha avuto accesso al riassunto dell’operazione contro la Diputación de Barcelona sulla possibile deviazione dei fondi verso il processo sovrano.

“L’uccellino che ho a Madrid mi dice che Moncloa (il video di Puigdemont è stato completamente fuori luogo. Che ride e dice che ci sono posti per votare e che la gente lo guarda, dopo un’operazione macro della polizia in cui ha ha smantellato direttamente il referendum, non aggiunge nulla “. È una delle conversazioni che emergono dal riassunto dell’operazione contro la Diputación de Barcelona per una possibile diversione di fondi per il processo indipendentista.

In particolare, un giudice indaga sull’asserita frode massiccia nei sussidi catalani per finanziare il processo sovrano. In particolare, il giudice Joaquín Aguirre sta indagando sull’opportunità di assegnare più di due milioni di sovvenzioni pubbliche al processo di indipendenza catalana e di coprire le spese di Carles Puigdemont a Waterloo.

In questo riassunto c’è un trasferimento di 300.000 euro che la Guardia civile sta indagando su una banca situata nella città svizzera di Crans-Montana. Nel testo, sono state anche rese note conversazioni più che interessanti tra l’ex presidente della Generalitat prima di Torra, Carles Puigdemont e Víctor Terradellas, ex direttore della Convergenza e presidente e mecenate della Fundació CATMón.

Entrambi hanno parlato su WhatsApp e, tra i loro scambi di messaggi, apprezzano la possibilità di cercare il supporto di Putin e della Cina; anche quello di Otegi, e studiano l’opzione che San Marino potrebbe diventare un porto sicuro per chiedere asilo. “Nei prossimi minuti il governo di San Marino offrirà di essere un porto sicuro per il governo. Ciò include: offrire di ospitare trattative tra Spagna e Catalogna e offrire asilo alle personalità catalane”, afferma Terradellas.

In questo senso, un altro messaggio dell’ex leader della Convergenza a Puigdemont evidenzia l’importanza di internazionalizzare il conflitto perché, in caso contrario, “tutta la repressione continuerà a essere un conflitto interno spagnolo e finché sarà una questione interna, nessuno della comunità internazionale farà da mediatore”.

Le conversazioni non finiscono qui, perché in un altro interscambio di messaggi è intervenuto Terradellas chiede a Puigdemont “di presentare un appello della presidenza dell’AMI a tutti i comuni della Catalogna affinché suonino i campanili contemporaneamente” come Artur Mas tra la corte.

L’espresidente risponde a questa idea: “Domani abbiamo un dirigente. Parliamo. Ma i campanili sono della chiesa …”. Il riepilogo include anche una conversazione su WhatsApp tra Jaume Trasobares, consulente amministrativo di Telefónica e Terradellas.

Ne consegue che CDC vuole rafforzare la lobby catalana a Dubai e affermano che la persona indicata per farlo sarebbe Trasobares. Un altro dei pezzi che risalta nel riassunto è un foglio scritto a mano che è intervenuto nei registri.

In esso, ci sono annotazioni e valutazioni dal 1 ° ottobre, presumibilmente fatte dai membri del PDeCAT. Spiccano quelli di “Quico”, che i ricercatori identificano come Francesc Homs. Per lui, il DUI è “essenziale” e c’è un “problema economico: la guerra ha bisogno di euro”.

La Sexta.com

https://www.lasexta.com/noticias/nacional/conversacion-exidirigente-convergencia-puigdemont-pajarito-que-tiene-madrid_201911155dce6e200cf269722b91e38a.html

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com