San Marino. Caso ratti in Via Raffonella. Le autorità si riuniscono ma i risultati non ci sono! Una residente: ”situazione peggiorata!”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Le autorità si sono mosse e si sono riunite diverse volte ma la situazione non è cambiata. Quella che potrebbe diventare il maggiore disastro ecologico-ambientale di San Marino, quello dei rifiuti ex Beccari nella sua totalità, sembra non potere essere risolto a breve. Intanto l’agitazione dei residenti comincia ad aumentare. Gli stessi si sono rivolti ad un legale per farsi tutelare, e sicuramente a breve sentiremo parlare ancora di questo caso.

    Ecco l’ultima dichiarazione di una residente di Via Raffonella che per prima ci ha interpellati: ”Stanno mettendo bocconi avvelenati ogni giorno, alcuni topi non muoiono nemmeno mentre dove il veleno fa effetto vanno a morire in giro e quindi puzza e cadaveri in decomposizione che infettano sempre più l’ambiente. Dentro i capannoni ci sono integratori alimentari ed i ratti hanno nutrimento per tutto l’inverno. L’intervento che stanno facendo serve solo a tamponare sempre che si riescano a catturarli e ucciderli tutti.”

    Vi terremo aggiornati su ulteriori sviluppi.

     

    Marco Severini – direttore ed editore