San Marino. Caso targhe: la farsa prosegue

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Intanto Renzi scrive l’ennesimo comunicato stampa che ha tanto il sapore della resa

Sul caso targhe si è assistito a un nugolo di “fake news” che avrebbero ben figurato in un convegno a hoc. Una delle tante balle propinate dalla maggioranza. Ad esempio si sono registrati negli ultimi giorni e settimane numerosi comunicati stampa entusiastici, non abbiamo peraltro compreso il perché. E in effetti il caso targhe non è stato ancora risolto creando numerosissimi problemi a imprenditori e aziende.

Invece dei fatti concreti, ancora una volta Renzi preferisce scrivere l’ennesimo comunicato stampa che ha il sapore di resa nei confronti dell’Italia e mette in luce i deboli, debolissimi rapporti col governo italiano: “I tempi della politica raramente coincidono con quelli dell’impresa o con quelli dei privati cittadini, che a buon diritto vorrebbero vedere risolti i loro problemi in tempi rapidi o perlomeno accettabili”. Renzi se lo dice da solo, ma non propone soluzioni: “ Nella piena consapevolezza delle ricadute che ne sarebbero derivate, la Segreteria di Stato per gli Affari Esteri si è mossa mettendo in campo tutti gli strumenti a disposizione, di carattere politico, giuridico e diplomatico, coinvolgendo come noto le Ambasciate dei due Stati e sollecitando direttamente i Ministeri degli Interni, degli Esteri e dei Trasporti, oltre a numerosi altri esponenti dell’esecutivo e del parlamento italiano”.

Insomma Renzi si è mosso, le imprese possono stare tranquille. Chiude la nota degli Esteri: “Abbiamo accolto con favore e soddisfazione le dichiarazioni dei Sottosegretari all’Interno e del Viceministro ai Trasporti, che annunciano la possibilità di risolvere a breve la questione che coinvolge, oltre che San Marino, anche Monaco e Svizzera. Nell’auspicio che il provvedimento risolutivo sia effettivamente in dirittura d’arrivo, come è dato di poter ritenere attraverso i numerosi contatti con la controparte italiana, si evidenzia altresì che già da tempo sono state portate a conoscenza delle competenti Autorità italiane l’esistenza di accordi bilaterali vigenti cui potersi richiamare per la risoluzione della pesante situazione venutasi a creare. Siamo profondamente grati a tutti i soggetti che si sono adoperati per ricercare una soluzione percorribile in tempi brevi ad un problema che vede crescere ogni giorno di più i disagi e le complicazioni, soprattutto per gli operatori economici; allo stesso tempo siamo a rinnovare con decisione l’auspicio che si dia attuazione al più presto agli atti necessari per una deliberazione definitiva, che possa porre ne a questa incresciosa situazione e all’emanazione di un provvedimento in grado di recepire le istanze ripetutamente avanzate dal nostro Paese”. La RepubblicaSM

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com