San Marino. Censura di stato. Ricorso contro l’oscuramento del confronto tra Severini ed Arzilli

  • Le proposte di Reggini Auto

  • achille-campagna-960x460RICORSO IN OPPOSIZIONE DEL CANDIDATO MARCO SEVERINI PER L’OSCURAMENTO DEL CONFRONTO CON MARCO ARZILLI (SAMMARINESI)

    di Achille Campagna – avvocato della Lista delle Persone Libere

    SAN MARINO, 11 novembre 2016 / Proposto ricorso in opposizione alla Commissione di Vigilanza sui mezzi d’informazione da parte del candidato Marco Severini con l’avv. Achille Campagna.

    Mentre ci accingiamo a presentare un altro ricorso alla Corte di Strasburgo per le ammissioni di liste presentate l’11 ottobre in violazione delle norme sulle quote rosa, e mentre troviamo confermate, dal rapporto OSCE di pochi giorni or sono (http://www.osce.org/odihr/elections/san-marino/280341?download=true), le nostre preoccupazioni sulla normativa in materia di ricorsi e impugnazioni, un nuovo conflitto si profila in vista delle elezioni.

    Nella giornata di ieri, 10 novembre 2016, veniva oscurata una parte di “Faccia a Faccia”, trasmissione in onda sui canali di San Marino Rtv, per ordine della Commissione di Vigilanza.

    Colpita dal provvedimento è stata una parte del dibattito fra candidati, pura espressione della campagna elettorale in atto e sale della democrazia.

    Nel ricorso contestiamo la violazione dei principi sulle libere elezioni, nella loro più alta espressione descritta dal Codice della Commissione di Venezia, ossia l’eguaglianza delle opportunità (par.18) offerte a ciascun candidato in campagna elettorale, nella specie l’accesso ai media.

    Con il rapporto di 2 giorni fa l’OSCE non ha mancato di sollevare dubbi sul monitoraggio dei media a San Marino, riportando anche che la Commissione di Vigilanza è composta da parlamentari.

    Il candidato della Lista delle Persone Libere, Marco Severini è stato gravemente penalizzato dalla sottrazione di spazio televisivo, mentre altri candidati hanno potuto parlare liberamente e senza censure all’elettorato.

    Per tali ragioni abbiamo richiesto alla stessa Commissione la revoca del provvedimento e la pubblicazione integrale del confronto fra Severini e Arzilli.