San Marino. Commercialisti: DIMISSIONI IN BLOCCO! Retroattività delle norme, incertezza del diritto, dubbia costituzionalità, assenza di ogni forma di confronto sono principi inammissibili.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • DIMISSIONI IN BLOCCO!

    Retroattività delle norme, incertezza del diritto, dubbia costituzionalità, assenza di ogni forma di confronto sono principi inammissibili.

    Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili nella seduta del 21/12/2016 preso atto con indignazione dell’approvazione degli articoli 39 e 40 della Legge finanziaria che incidono in misura rilevante sulla configurazione e durata della responsabilità dei soggetti deputati al controllo degli istituti di credito, ignorato l’appello inviato dagli ordini a tutti i Consiglieri nella giornata di lunedì 19 dicembre u.s., proporrà ai propri iscritti di rassegnare in blocco le dimissioni dagli incarichi in corso presso i soggetti vigilati qualora non si giunga a breve ad una sostanziale revisione degli articoli citati. La partecipazione dei nostri iscritti agli organismi di controllo negli istituti bancari e finanziari risulta obbligatoria ex lege e l’attuale formulazione delle norme rende non accettabili detti incarichi anche per impossibilità di copertura assicurativa.

    L’ Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili auspica e si rende disponibile ad un immediato incontro tecnico con le Segreterie di Stato competenti.

    Da cittadini, ancor prima che da professionisti, ci opponiamo a norme che hanno tutto il sapore della discriminazione.

    Il Consiglio Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

    San Marino, 21.12.2016