San Marino. Commissione d’inchiesta su Banca Cis vietata a Roberto Ciavatta … di Marco Severini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Hanno evidentemente un’enorme paura se, con l’articolo n.2 della legge costituzionale per l’istituzione della Commissione d’Inchiesta sui fatti di Banca Cis, hanno approvato la norma che prevede a chi è stato rinviato a giudizio la non partecipazione alla commissione stessa.  

Fate bene attenzione!

Per la politica basta il rinvio a giudizio per impedire la partecipazione alla costituenda commissione e non la condanna definitiva!

Quindi il consigliere Ciavatta, rinviato a giudizio per i fatti di Carisp, potrebbe essere anche assolto ma alla politica non interessa: ROBERTO CIAVATTA NON DEVE ASSOLUTAMENTE PARTECIPARE ALLA COMMISSIONE D’INCHIESTA.

L’articolo 2 si capisce che è stato fatto a pennello su di lui!

In sostanza da questo articolo si deve leggere, nemmeno tanto tra le righe, che il consigliere Roberto Ciavatta non potrà parteciparvi e questo è ovviamente al di fuori da ogni regola democratica e contro al fatto che fino a sentenza definitiva di condanna in appello nessun cittadino sammarinese, rinviato a giudizio, può considerarsi colpevole: neppure il consigliere Roberto Ciavatta.

LA PAURA CHE CIAVATTA POSSA SCOPRIRE QUALCOSA SU GRANDONI E SUI SUOI LEGAMI CON LA POLITICA E CON IL CIS EVIDENTEMENTE FA MILLE! TUTTI HANNO UNA PAURA FOLLE!

Oggi riteniamo che si sia commessa una grave ingiustizia … approvata con il voto bipartisan della politica.

E questo fa pensare! Molto.

 

Marco Severini – direttore del Giornalesm

 

Ecco il testo dell’articolo 2 della legge che istituisce la commissione d’inchiesta su Banca Cis.

 

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com