San Marino. Commissione d’inchiesta su Banca Cis vietata a Roberto Ciavatta … di Marco Severini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Hanno evidentemente un’enorme paura se, con l’articolo n.2 della legge costituzionale per l’istituzione della Commissione d’Inchiesta sui fatti di Banca Cis, hanno approvato la norma che prevede a chi è stato rinviato a giudizio la non partecipazione alla commissione stessa.  

    Fate bene attenzione!

    Per la politica basta il rinvio a giudizio per impedire la partecipazione alla costituenda commissione e non la condanna definitiva!

    Quindi il consigliere Ciavatta, rinviato a giudizio per i fatti di Carisp, potrebbe essere anche assolto ma alla politica non interessa: ROBERTO CIAVATTA NON DEVE ASSOLUTAMENTE PARTECIPARE ALLA COMMISSIONE D’INCHIESTA.

    L’articolo 2 si capisce che è stato fatto a pennello su di lui!

    In sostanza da questo articolo si deve leggere, nemmeno tanto tra le righe, che il consigliere Roberto Ciavatta non potrà parteciparvi e questo è ovviamente al di fuori da ogni regola democratica e contro al fatto che fino a sentenza definitiva di condanna in appello nessun cittadino sammarinese, rinviato a giudizio, può considerarsi colpevole: neppure il consigliere Roberto Ciavatta.

    LA PAURA CHE CIAVATTA POSSA SCOPRIRE QUALCOSA SU GRANDONI E SUI SUOI LEGAMI CON LA POLITICA E CON IL CIS EVIDENTEMENTE FA MILLE! TUTTI HANNO UNA PAURA FOLLE!

    Oggi riteniamo che si sia commessa una grave ingiustizia … approvata con il voto bipartisan della politica.

    E questo fa pensare! Molto.

     

    Marco Severini – direttore del Giornalesm

     

    Ecco il testo dell’articolo 2 della legge che istituisce la commissione d’inchiesta su Banca Cis.