San Marino. Csu: ” Prezzi alle stelle dei generi alimentari, è tutto vero!”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il comunicato dell’USC di qualche giorno fa in cui ci accusava di aver indicato dati presi a casaccio ci ha spinto a ricontrollare meticolosamente le percentuali dei prezzi pubblicate dall’Ufficio di Statistica.

Da questa nuova verifica emerge purtroppo che i dati di questo Ufficio riproducono impietosamente la cruda realtà e documentano senza possibilità di smentita il considerevole aumento dei prezzi dei generi alimentari, raffrontati con quelli di Rimini e non dell’intera Italia, così come già avevamo denunciato.

Su base annua (il raffronto con il mese di dicembre o la media del 2018 serve solo per gettare fumo negli occhi perché non ha alcun valore), nel primo trimestre 2019 a San Marino gli incrementi dei prezzi dei prodotti alimentari, rispetto agli stessi periodi dell’anno precedente, sono stati rispettivamente del 7,2% in gennaio, del 5,6%, in febbraio e del 4,7% in marzo.

A Rimini, invece, i prezzi di questi prodotti sono aumentati nel 2019 rispetto agli stessi periodi del 2018, dello 0,2% in gennaio, dell’1,7% in febbraio, dell’1,2% in marzo, come si può facilmente evincere dalle tabelle pubblicate sui rispettivi siti.

Confermiamo che i rilevamenti dell’Ufficio di Statistica sono stati presi con gli stessi criteri dell’Istat italiano, e ciò rende estremamente indicativo e verosimile mettere a confronto l’andamento dei prezzi registrato a San Marino con le realtà territoriali italiane confinanti.

Abbiamo altresì la conferma che all’interno della categoria dei prodotti alimentari e bevande analcoliche, l’incremento è da attribuirsi in larghissima misura alla componente relativa alla frutta e verdura fresca, mentre per quelli confezionati, in effetti, la tendenza sembra essere allineata tra San Marino ed il circondario. È vero che il costo degli alimenti freschi è influenzato dalla stagionalità e da fattori come il maltempo, ma questo vale anche per gli ortaggi e la frutta che si vendono nella vicina Rimini. Una differenza così elevata non è affatto giustificata né comprensibile, a maggior ragione quando si tratta di prodotti di largo consumo delle famiglie.

Rispetto al numero e tipologia degli esercizi in cui vengono effettuate le rilevazioni, ci risulta che il metodo utilizzato sia anch’esso analogo a quanto utilizzato in tutta Italia.

Non ci interessa fare polemica, ma solo tutelare i cittadini e i consumatori ed è per questo che è necessario quanto prima un incontro con tutte le associazioni di categorie per affrontare il problema del caro prezzi a San Marino.

CSU

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com