San Marino. Dall’accordo CSU-ANIS, eliminate 5 festività. Ma ai sammarinesi sta bene?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Solo una proposta o un accordo che fissa nuove norme che riguardano l’intero Paese? I due allegati al contratto industria intervengono a ‘gamba tesa’ nell’ambito di poteri che generalmente sono di pertinenza del Consiglio Grande e Generale. Il primo aspetto riguarda le festività. L’allegato 1) prevede infatti che il Corpus Domini (festa del giovedì dopo la Pentecoste che si festeggia in molti paesi europei), il due novembre (ricorrenza dei morti) e un’altra festa concordata fra le parti e il governo (di certo si tratterà di una festività civile), vengano spostate alla domenica successiva e le 19 ore di lavoro vengano retribuite a parte. L’accordo prevede anche che fra l’azienda e i lavoratori possano essere concordate altre due festività da pagare come lavoro ordinario. Probabilmente occorrerà ricorrere al Collegio dei Garanti per sapere se un simile accordo possa avere validità effettiva dato che sta allo Stato e quindi agli organi della democrazia rappresentativa (Consiglio, Governo) decidere sulle festività. (…) La Tribuna