San Marino. Dc: “DALLA MONOROTAIA AI DIRIGIBILI…L’INCAPACITA’ DI PROPORRE PROGETTI PER LO SVILUPPO DEL NOSTRO PAESE”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

DALLA MONOROTAIA AI DIRIGIBILI…L’INCAPACITA’ DI PROPORRE
PROGETTI PER LO SVILUPPO DEL NOSTRO PAESE

Dopo mesi di proclami e annunci relativi alla realizzazione della fantomatica monorotaia, su cui si era rivolta, a detta del Segretario Michelotti, anche l’attenzione di investitori stranieri, ecco che giunge dallo stesso Segretario la dichiarazione di interruzione temporanea del progetto People Mover della società Sky Way, a causa di non meglio precisate complicazioni e mancanze di garanzie relative alla realizzazione dell’infrastruttura.
Segretario Michelotti, ma se ne accorge solo oggi delle difficoltà a cui un simile progetto sarebbe andato incontro? A più riprese abbiamo cercato di far emergere le distorsioni di un simile progetto, ma nulla è servito a farla ragionare.
Anzi, accantonato un progetto, ecco che ne emerge un altro sempre in tema di trasporti: la realizzazione di una stazione per dirigibili di nuova concezione all’avio-superficie di Torraccia sulla base di un progetto americano.
Seppur da approfondire e da comprendere meglio quale sia l’intendimento dell’intero progetto, non pensa Segretario che siano altre le proposte e i progetti su cui dover iniziare seriamente a lavorare per dare una risposta concreta non solo al Paese, ma soprattutto agli operatori di un settore come quello turistico che da troppo tempo stanno aspettando risposte da Lei? Non pensa che il momento dei proclami e degli annunci sia finito ormai da tempo?
Sembra proprio che la serietà, il pragmatismo e la capacità di intervento su tematiche importanti come quelle dei trasporti e delle infrastrutture considerate strategiche per il nostro Paese non le appartengano.
Il tema dei trasporti e dei collegamenti transfrontalieri è di primaria importanza in un mondo basato su mobilità e comunicazione e rende necessari continui e ulteriori miglioramenti che si dimostrino efficienti ed affidabili. Da un sistema efficiente di trasporti discende lo sviluppo economico di un Paese e la sua capacità di rispondere ai cambiamenti di un turismo sempre più esigente.
Ormai da tempo gli operatori richiedono interventi in tale ambito. La riqualificazione e il miglioramento della fluidità del traffico della Superstrada Rimini-San Marino SS72 è uno di quei progetti che possono essere avviati in tempi celeri intavolando un confronto serio con la Regione Emilia-Romagna, con il Comune di Rimini e ANAS, ma è evidente che non è considerato cruciale. Meglio allora i dirigibili!
E quando si parla di trasporti e mobilità non possiamo non parlare del cosiddetto “caos targhe”; una questione che ha creato e che continua a creare difficoltà alle tante attività sammarinesi che impiegano personale frontaliero alla guida di mezzi di trasporto con targa sammarinese e che ha evidenziato ancora una volta l’incapacità di questo Governo nell’affrontare in modo serio problematiche di questa portata. Le dichiarazioni del Viceministro ai Trasporti Edoardo Rixi aprono uno spiraglio di soluzione per i Paesi non Ue come Monaco, San Marino e Svizzera; auspichiamo davvero che presto si possa mettere la parola fine ai tanti disagi che i nostri operatori sono stati costretti ad affrontare.
Il nostro Paese necessita di risposte concrete e di interventi effettivi ed è quindi giunto il momento della concretezza e delle scelte, di una appropriata pianificazione territoriale, di infrastrutture e di servizi effettivamente realizzabili e che possano efficacemente rispondere ad un mercato in continua evoluzione.

San Marino, 3 maggio 2019
L’Ufficio Stampa del PDCS

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com