San Marino. ”Dimissioni dell’ex consigliere Palmieri dalla Carisp, e nomina alle Poste”. Lui smentisce (ma non scrive nessun comunicato ne rilascia interviste) e Renzi (Ap) s’infuria. … di Marco Severini

Nicola RenziE venne il giorno in cui Nicola Renzi s’incazzò!
Ha inviato – sempre Renzi – a giornali compiacenti (i quali ovviamente non hanno riportato la notizia di giornale.sm ma solo le sue dichiarazioni, dando una grande prova di professionalità) parole di fuoco verso il Giornale.sm (senza mai citarci) come: ”Strumentalizzare questioni personali per gettare discredito su una forza politica, tramite informazioni totalmente false è disgustoso ed indice di barbarie innaccettabile, che i sammarinesi sapranno comprendere e stigmatizzare”.
Barbarie inaccettabili? Gettare discredito su Alleanza Popolare? Informazioni false? Ma il coordinatore di Ap perché è così incattivito? perché si è così adirato? Ho forse scoperto qualche altarino che la stampa compiacente di solito non fa?
Nessuno, ne tantomeno io, ha dato informazioni false, e nessuno ha voluto gettare discredito su Alleanza Popolare. Ci mancherebbe!
Ne – soprattutto – nessuno ha dato notizie false su Stefano Palmieri.
Infatti corrisponde al vero che lo stesso si è ”dimesso” dalla Carisp (e non stiamo a dire il perché, per ora) come è anche vero che la politica, questo Governo, sta pensando a lui come Direttore finanziario del futuro Banco Poste, e non Direttore Generale come, invece, avevamo detto. Corrisponde anche al vero che prenderà oltre 6.000 euro!
Orbene che cosa c’è di discredito verso Ap? Quali strumentalizzazioni ci sono? Quali sono le barbarie?
Caro Renzi, pensiamo invece – anziché offendersi per offese inesistenti – ai 2.000 disoccupati/esodati/cassaintegrati e in mobilità sammarinesi. Pensiamo a serie politiche di sviluppo che questo Governo – dove c’è anche lei – dovrebbe fare e non fa, ma invece promuove insulse gite fuori porta verso parchi scientifici e tecnologici oppure questue a Roma con il cappello in mano a chiedere l’elemosina. Pensiamo al fatto che dopo oltre 6 anni siamo ancora in Black List e che questo Governo è – su questo argomento, ma anche su altri – inefficace! E dopo tutte le concessioni – anche troppe – elargite al governo italico non è riuscito a sistemare questa annosa vertenza, quella della Black List.
Ma anzi, invece, è molto efficiente nel produrre normative capziose e tasse oltremodo ingiuste senza pensare all’abbassamento ed alla razionalizzazione della spesa corrente.
Il Paese  muore di inedia e qui ci si picca perché un giornalista scrive la verità, magari per qualcuno scomoda.
Mi spiace, veramente molto, che invece di produrre ricchezza, creando semplici azioni politiche – come ad esempio la conversione a costo zero di Rovereta da zona industriale a commerciale come richiede l’Anis – la politica perda tempo dietro a queste futili cose!
Avete messo un vostro uomo in una poltrona strategica! E che vuoi che sia, lo avete fatto tante volte! Non vedo quale sia il problema!
Detto ciò, ad onor del vero l’amico Stefano Palmieri mi ha contattato via facebook per chiedermi prima di dare la sua smentita alla nomina di Direttore delle Poste, eppoi – qualche ora più tardi – di ritirare l’articolo sopraddetto, cosa che non ho fatto. Ma quando gli ho chiesto di scrivermi due righe di smentita oppure di darmi una videointervista si è rifiutato, ma anzi mi ha richiesto nuovamente – verso sera – di dare la smentita. Questa è la verità.
Ma – come ho scritto sulla bacheca di Renzi –  non vi è nulla contro Ap e soprattutto nulla contro Stefano Palmieri. Potevo fare molto molto peggio…invece ho dato solo la notizia, senza nemmeno commentarla. Tale e quale, come dovrebbe fare qualsiasi giornalista non paludato.
O forse non ci siamo abituati?
Ci rivedremo alla sua nomina…
Buona giornata caro Renzi!
Marco Severini – Direttore del Giornale.sm

 

  • Le proposte di Reggini Auto