San Marino. Dirigente Tribunale: Marco Gatti (Dc) solleva nuovi dubbi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

La storia infinita dei verbali della commissione giustizia di cui ieri in aula è andata in scena l’ennesima puntata è stata letta dal consigliere del Pds Marco Gatti come un tentativo di distogliere l’attenzione da una serie di problematiche. “La settimana scorsa – ha esordito nel suo riferimento in comma comunicazioni – ho portato in evidenza il fatto che la lettura del curriculum del prof. Guzzetta che è stato nominato quale nuovo dirigente del Tribunale di San Marino mette in luce un profilo di incompatibilità. Su questo fatto nessuno del governo o della maggioranza si è espresso, è calato al contrario un silenzio assordante. Io credo sia giusto richiamare la problematica legata al fatto che abbiamo nominato dirigente una figura che non è un magistrato ma alla quale la legge richiede le stesse prerogative e stabilisce le stesse incompatibilità previste per i magistrati. L’ufficio di magistrato è tra le altre cose incompatibile con l’assunzione delle cariche di amministratore e sindaco in società, guardando il curriculum è emerso che il prof. Guzzetta è presidente di una società, la Open Gate Italia. Viene dunque meno l’elemento di garanzia e si continua a far finta di nulla. Si parla di rilanciare il Paese ma non diamo credibilità al Tribunale. Si fanno le corse per trasmettere i verbali della commissione giustizia quando c’è un’indagine in corso. Siate sereni, ci sono i magistrati. Vogliamo fare noi i magistrati? Non siamo neanche in grado di nominare un dirigente. Sulla nomina poi non sappiamo nulla tutto è avvenuto a scatola chiusa, la grande fretta non ha permesso neanche di enucleare le condizioni di contratto di questo dirigente”. Chi ha preso la parola dopo come il consigliere di Ap Giorgetti e Tosi di Civico 10 non è entrato nel merito della denuncia di Gatti e ha invece difeso la nomina. Di qui la conclusione del consigliere del Pdcs Francesco Mussoni che ha detto: “Io mi aspettavo una smentita all’indomani. Siamo ancora qui nell’incertezza. Rispetto le Loro Eccellenze che si fanno garanti ma è grave politicamente perché questa situazione delegittima il Paese. Le nomine dei vertici dello Stato devono essere fatte nel rispetto delle regole con l’adozione di ogni cautela. Se un consigliere chiede i chiarimenti il giorno dopo deve essere fatta piena luce”.

Repubblica Sm

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com