SAN MARINO. ECSO: LA SCUOLA DIGITALE…..di Fabio Andreini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Avere una scuola digitale serve, non solo perché “va di moda” ma l’obiettivo dovrebbe essere meno carta, più documenti elettronici, più procedure da gestire online, in una parola meno burocrazia, quindi meno costi. Per risparmiare e tenerci al passo con i tempi, la nostra scuola dovrebbe attivare i servizi di iscrizioni, pagelle, comunicazioni, tutto online. Ancora una volta questi progetti dovrebbero essere coordinati dall’Agenzia per lo Sviluppo Digitale, che dovrebbe proporre di attivare in modalità online e in formato elettronico le iscrizioni, la pagella degli alunni (che avrà la stessa validità legale del documento cartaceo e sarà resa disponibile sul Web o tramite posta elettronica o altra modalità digitale), i registri e le comunicazioni agli alunni e alle famiglie.

Assodato che gli istituti scolastici sammarinesi non possiedono un grado di digitalizzazione e competenza nella gestione delle procedure online e un database comune su tutto il territorio, questo competerà una sfida interessante, ma di facile attuazione, visto il dimensionamento del nostro territorio.

Le pagelle online dovranno prevedere la registrazione digitale dei voti, mentre per i registri digitali dovrà essere presente un device (tablet o pc portatile) in ogni classe con un prorio accesso a rete WiFi.

La trasmissione quotidiana delle assenze dovrà essere annotata sul device, che verrà sincronizzata con il database della scuola e in automatico sincronizzato con l’applicativo centrale, che attiverà il sistema che permette l’invio in tempo reale di SMS di avviso alle famiglie.

Sul versante famiglie, per quelle che non possiedono gli strumenti(percentuale molto ridotta) potrebbe essere un problema consultare i voti del figlio online. In questo caso, la scuola potrebbe mettere a disposizione delle famiglie e dell’utenza una postazione per la consultazione dei voti e delle pagelle, l’accesso ai propri dati dovrà essere garantito da password personale o pin/smartcard.

Un ulteriore obiettivo nel medio periodo sarà quello di adottare i libri di testo in formato elettronico, in sostituzione dei libri cartacei. Si potrà iniziare con le scuole di grado inferiore, frequentate dai cosiddetti “nativi digitali”, per poi passare nelle scuole di grado superiore, fino all’Università. Dovrà anche essere garantita massima compatibilità di fruizione con tutti i dispositivi hardware più diffusi (iPad, tablet, computer o lettori di ebook).

 

Fabio Andreini


  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com