San Marino. ECSO: Rilanciare i consumi con la Smac Card

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Qualche giorno fa, abbiamo ripreso un articolo interessante su Taiwan, dove per combattere l’evasione fiscale l’amministrazione pubblica ha trovato una stratagemma originale: chiedendo lo scontrino fiscale si partecipa automaticamente all’estrazione di una lotteria, e così tutti chiedono lo scontrino. La cosa sembra alquanto banale, ma ha prodotto un aumento del gettito fiscale dello Stato del 75%.

Nella nostra Repubblica abbiamo uno strumento importantissimo ma dal potenziale inespresso, la Smac Card.

In una visione di aumento dei consumi interni, adottando lo stesso sistema di Taiwan, i pagamenti effettuati con la Smac Card, quindi tracciati elettronicamente, possono essere inseriti automaticamente in una sorta di lotteria settimanale o mensile, incentivando così le persone ad acquistare a San Marino e attraendo i flussi esterni, usando tutte le leve del marketing.
Sempre in un’ottica di aumento dei consumi interni, occorre agire sulla riforma tributaria e fiscale, operando sugli acquisti effettuati in territorio, che se eseguiti con la Smac Card dovranno essere deducibili al 100% nella dichiarazione dei redditi, senza limiti di alcun tipo.
In questo modo si creerà un sistema virtuoso dove gli operatori economici saranno ben lieti di aderire al circuito Smac Card e gli utenti dal canto loro saranno incentivati a pagare elettronicamente con la Smac, che come effetto finale creerà un aumento per le entrate dello Stato.
Come sopra dichiarato, l’aumento del gettito fiscale sarà maggiore con il passaggio all’IVA, ma in questo caso occorrerà eseguire un accurato studio di fattibilità per arrivare ad un’aliquota sostenibile e concorrenziale ed un ulteriore aumento di sconto sui pagamenti con Smac Card.
  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com