San Marino. Entusiasti e preoccupati di Donald Trump a confronto su San Marino RTV

  • Le proposte di Reggini Auto

  • hotel-nazionaleOspiti di Hotel Nazionale (in onda stasera alle 22): Jonny Crosio senatore Lega Nord, Marina Berlinghieri Pd, Fabrizio Di Stefano Forza Italia, Sergio Pizzolante Area Popolare. —
    “Una sconfitta dei media e degli opinion leader, non solo una vittoria di Trump”. Esordisce così Jonny Crosio, senatore Lega Nord, nella nuova puntata di “Hotel Nazionale – le stanze della politica” condotta da Roma da Sergio Barducci, sulla San Marino Rtv, ogni giovedì alle 22. “I poteri forti hanno tentato di dirottare il pensiero degli elettori senza riuscirvi – ha continuato – Il bello di Trump è che è una carta bianca da scrivere, ci preoccupiamo di lui quando in Europa vorremmo far entrare un pazzo che ha arrestato l’opposizione, e parlo della Turchia”.

    “Si apre uno scenario di incertezza – ha risposto Marina Berlinghieri, Pd – perché un conto è il Trump candidato, un altro il Trump presidente. Sappiamo che il suo slogan è “America first”, l’America prima di tutto, su questo imposterà la sua politica economica”.

    “Trump per noi è più rassicurante – ha detto Fabrizio Di Stefano, Forza Italia – Clinton rappresentava la continuità governativa, fa parte di quel mondo che ci ha portato alla crisi”.

    “L’occidente è ormai popolato di personaggi come Hofer, Le Pen, Farage, Grillo, Salvini e Trump – ha risposto Sergio Pizzolante, Area Popolare – perché abbiamo impoverito ceto medio e classe operaia, questo modello di globalizzazione indebolisce le vecchie radici europee e, in aggiunta all’immigrazione che spaventa, i populismi alzano la voce. Inoltre non sarei così contento del nuovo asse Trump-Putin, che taglierebbe completamente fuori l’Europa”.