San Marino. Esclusivo. La scoperta di una ”cisterna dimenticata” del 1500/1600 nel centro storico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Trovata nel Centro storico, per caso, una cisterna per la raccolta delle acque piovane del periodo rinascimentale, precisamente in Contrada delle Mura, che è la via che costeggia le mura perimetrali dentro il  Centro Storico.

    Degli operai, casualmente, intenti a sondare la stabilità del terreno per installare una gru, per via dei lavori di manutenzione ad un vecchio stabile vicino, hanno trovato – aprendo un tombino con scritto ”cavi elettrici” – quello che il tempo si era avidamente preso e che molti avevano dimenticato; una bellissima cisterna per la raccolta delle acque piovane.

    La cisterna doveva servire a raccogliere l’acqua piovana dei tetti della parte bassa del centro storico perché nella parte alta vi erano le famose cisterne medioevali ultimamente ammirate anche dal grande architetto Premio Nobel Tadao Ando.

    La cisterna è abbastanza grande, infatti misura circa dieci metri di lunghezza per cinque di larghezza ed otto metri di profondità. Precisamente si trova sotto la sede stradale e molto probabilmente è incassata nelle mura cittadine.

    Secondo fonti qualificate, nei prossimi giorni è prevista anche un’ispezione da parte degli uomini della protezione civile che si caleranno con delle funi dentro la stessa.

    E’ probabile, ma non è detto, che il Segretario al Territorio Giancarlo Venturini non riesca ad inaugurare anche questa opera prima delle prossime elezioni dell’11 Novembre 2012.

     

    Marco Severini – Direttore del Giornale.sm