San Marino. Femminile: epilogo amaro per le Giovanissime

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Niente da fare per le Giovanissime della San Marino Academy, che si erano qualificate alle Finali Interregionali del Campionato Femminile U15 – organizzato dal Settore Giovanile e Scolastico in seno alla FIGC – dopo aver brillantemente vinto il girone di qualificazione condiviso con Jesina, Perugia e Cesena. Al penultimo step del torneo anche le romagnole che – insieme a Florentia e Bologna – hanno sfidato le sammarinesi in una due giorni di incontri al Cardinaletti di Jesi per decretare l’unica formazione inserita nel Girone 3 che avrebbe ottenuto la qualificazione alle Final Four di San Zaccaria (RA).

 

Il quadrangolare – che prevede anche gli shoot-out quale gioco tecnico, nonché potenziale criterio utile a far classifica – prevede il debutto con la Florentia, per la San Marino Academy. Le biancorosse impongono subito una rara carica agonistica all’incontro, non lesinando interventi piuttosto duri. Aggressività che schiude alla rete del vantaggio al 3’ con Barsali che avvia e conclude impeccabilmente una ripartenza rifinita dall’assist millimetrico di Burani. Sul raddoppio toscano che arriva al 7’ le biancoazzurre si lamentano per un fallo non rilevato ai danni di Beccari, che resta a terra: la Florentia sviluppa così il suo contropiede concluso con un gran destro al volo di De Sorbo. La numero 10 sarà grande protagonista di una partita che la San Marino Academy riapre col rigore perfettamente trasformato al 13’ da Cecchini, brava a spiazzare il portiere avversario e capitalizzando il penalty procurato da Beccari. La bomber biancoazzurra firma l’aggancio tre minuti più tardi, sfruttando un rimpallo per fulminare Mazzanti all’angolino. Prima dell’intervallo ci prova ancora Beccari da posizione defilata, ma l’estremo toscano non si fa sorprendere. La numero uno della Florentia non deve poi intervenire sulla grande occasione per Sietchiping, che sugli sviluppi di una punizione si fionda sulla vagante in area e – aggirato il recupero di un’avversaria – spara alto di un soffio da breve distanza. A seguito di un doppio tentativo della Florentia, disinnescato da Giulia Zaghini, è Beccari a fallire il completamento della rimonta, spedendo fuori in diagonale davanti a Mazzanti.

Nella seconda frazione – esattamente al 33’ – De Sorbo non concede la medesima cortesia, freddando Zaghini con un gran destro in campo aperto. Due minuti più tardi opportunità colossale per il nuovo pareggio sammarinese, con Beccari che colpisce un palo clamoroso in spaccata e Sietchiping che sul tap-in a botta sicura centra in pieno Mazzanti. Sul ribaltamento di fronte la più nota regola non scritta di questo sport trova applicazione: De Sorbo salta Paolini e serve un cioccolatino a Puntoni che deve solo appoggiare in fondo al sacco col mancino. La Florentia assapora il successo in chiusura della seconda delle tre porzioni di gara, quando De Sorbo aggira il pressing avversario e arrota un destro splendido che taglia fuori Zaghini per il 5-2.

San Marino Academy a caccia di un miracolo negli ultimi 20 minuti, che si aprono col guizzo di Mazzanti a negare la rete a Giuliani. Il gol che chiude l’incontro arriva al 51’ ed è del tutto fortuito: Franceschi addomestica un buon pallone e si lancia in un solitaria contro la terza linea sammarinese, trovando un incredibile rimpallo sulla chiusura di Sietchiping che si sviluppa in un pallonetto imprendibile per Zaghini.

Negli ultimi minuti torna a provarci la San Marino Academy che prima sfiora il terzo gol con Beccari e Giuliani – quest’ultima scheggia pure una traversa con un gran destro -, per poi affondare con la stessa centrocampista che batte la neo entrata Mariani.

 

Il secondo incontro col Cesena è già decisivo per le sammarinesi, visto che le bianconere hanno superato il Bologna nel derby della prima giornata. A sbloccare l’incontro è però l’incredibile carambola che porta Felicità – ex della sfida – a colpire l’incrocio dei pali col mancino, imprimendo una beffarda traiettoria alla sfera che finisce per rimbalzare al di là della linea di porta quando sembrava potesse terminare sul fondo. Zaghini si riscatta con un doppio intervento che è il preludio all’occasionissima per il pareggio sammarinese, differito di un minuto rispetto al calcio di rigore assegnato per un tocco di mano di Felicità. A monte dell’azione – partita da corner – anche la traversa di Boschi con una gran girata di destro. Dal dischetto Cecchini cambia angolo rispetto alla sfida con la Florentia, trovando la parata dell’estremo avversario che blocca in due tempi. Pareggio – come detto – che dista di pochi secondi dal penaly fallito: Sietchiping sfrutta a dovere un flipper in area per ristabilire la parità nel punteggio al 12’. Le ragazze di Valeria Canini prendono coraggio e giocano più sciolte, sviluppando pregevoli trame come quella che porta al gran destro di Boschi, solo troppo centrale. Il vantaggio sammarinese arriva comunque al 16’ proprio ad opera della centrocampista biancoazzurra, che sfoggia la sua invidiabile tecnica aprendo il piattone per destinare la sfera all’incrocio dei pali più lontano. La San Marino Academy non trova poi il terzo centro con Sietchiping: l’attaccante urbinate litiga col pallone, sciupando un assist dalla sinistra di Beccari. Situazione che si ripropone poco più tardi, con Beccari stavolta a mettersi in proprio per trovare la risposta di piede del portiere romagnolo sul palo più vicino.

A metà del secondo tempo arriva il nuovo pareggio, che vede ancora coinvolta l’ex Giorgia Felicità: innescata da un filtrante, libera un destro respinto da Zaghini che – nella mischia nata sulla ribattuta – è sfortunata nel rimpallo con Cecchini che finisce per far rotolare la sfera nella rete sammarinese. Dopo un’occasione per parte, risoltesi con la gran parata di Zaghini ed il mancino di un soffio alto di Sietchiping, il Cesena si riporta avanti nel punteggio a metà dell’ultimo parziale di gioco: merito di Mengozzi che prima esalta i riflessi di Zaghini, poi segna a porta vuota col destro quando corre il 50’. Non è finita qua, perché la San Marino Academy torna a colpire sull’asse Sietchiping-Giuliani, che apparecchiano al gran destro di Cecchini destinato all’angolino ed imparabile per Sorci, la quale non può evitare il 3-3 su cui si chiude l’incontro.

 

Nell’altra sfida il Bologna ottiene un preziosissimo successo per 2-0 sulla Florentia che taglia fuori la San Marino Academy dalla possibilità di agguantare il primo posto utile alla qualificazione alle Final Four: qualsiasi risultato fosse infatti maturato nella sfida tra Cesena e Florentia, porrebbe sempre almeno una formazione davanti alle biancoazzurre – anche in caso di successo sul Bologna -. Fascia di capitano al braccio di Beccari, per l’ultima in San Marino Academy: quella che è il più fulgido talento forgiato nelle giovanili biancoazzurre apre le marcature all’8’ con un gran diagonale che batte l’estremo felsineo, determinante nel negare il raddoppio a Cecchini poco dopo. Il Bologna ci prova da fuori trovando la smanacciata di Zaghini, che nulla può sul contropiede avversario che muove da una sbavatura in chiusura. Rimonta romagnola che arriva al 19’ e per effetto di un incredibile sinistro a giro dalla distanza che termina la sua corsa all’incrocio dei pali, spiovendo improvvisamente e beffando un’incredula Giulia Zaghini.

La seconda frazione di gara si apre con la discesa palla al piede di Giuliani, che salta tre avversarie prima di concludere col diagonale mancino, respinto di piede dal portiere bolognese. Azione simile al 22’, con Giuliani che gioca in verticale su Beccari, abile a scavalcare col mancino l’estremo felsineo e ristabilire la parità in campo. Il Bologna ha bisogno di una vittoria per sperare nelle Final Four, ma produce poco nella frazione centrale, rischiando sulle ripartenze sammarinesi che sviluppano spesso sulle giocate di Beccari. Nel terzo ed ultimo tempo di gioco, un calo di tensione costa caro alla San Marino Academy, che subisce due reti in tre minuti: sul primo Torriani è imprecisa nella gestione di una rimessa da fondo, mentre sul successivo – che vale il successo per 4-3 delle emiliane – c’è tutto il cinismo delle rossoblu, che si gettano sul tap-in che, complice il successo della Florentia nell’altro incontro, spedisce il Bologna alle Final Four di San Zaccaria per effetto degli scontri diretti a favore.

 

CLASSIFICA FINALE

Bologna                                6

Florentia                                6

Cesena                                               4

San Marino Academy                       1

Il Bologna accede alle Final Four di San Zaccaria in virtù del successo nello scontro diretto

 

Girone 3 – Finali Interregionali (Jesi, 8-9 giugno 2019)

  1. giornata

Bologna 3-4 Cesena

San Marino Academy 3-6 Florentia

 

  1. giornata

Cesena 3-3 San Marino Academy

Florentia 0-2 Bologna

 

  1. giornata

Bologna 4-3 San Marino Academy

Cesena 1-3 Florentia

FSGC | Ufficio Stampa

 

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com