San Marino. Fuga dal carcere dei Cappuccini: condanne ad un anno e 3 mesi per Achille Lia e Albano Ahmetovic

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il momento più intenso, probabilmente, è stato la testimonianza dei due addetti alla custodia: sopraffatti, quel 19 agosto, ai Cappuccini. “Mi trascinarono lungo le scale – ha puntualizzato un Vice Brigadiere della Gendarmeria –, diretti verso l’uscita”. L’Ufficiale ha riferito di aver lottato sia con Lia che con Ahmetovic, che “cercavano disperatamente le chiavi”, e che avrebbero poi “strappato i cavi telefonici”, e spinto il gendarme, ed una milite, all’interno dell’infermeria. Quando riuscirono ad aprire la porta il bosniaco era già fuggito, mentre il 50enne calabrese venne inseguito fino al parcheggio del carcere. Dove incassò un pugno in faccia – ha affermato il Vice Brigadiere -, ma riuscì comunque a divincolarsi e fuggire. La milite ha ricordato come il collega, in quei minuti concitati, tentò costantemente di proteggerla. Le Difese – dal canto loro – si sono concentrate su aspetti giuridici ritenuti determinanti. Come la sentenza del Giudice per i Rimedi Straordinari, che revocò il mandato d’arresto per la condanna, inflitta a Lia, per furto: il reato che lo condusse ai Cappuccini. “La detenzione, dunque – ha detto il suo Legale –, non era legittima”; con la conseguenza che non si potrebbe contestare l’evasione. L’avvocato, in sede di questioni preliminari, aveva anche chiesto a Battaglino di astenersi dal decidere in questo procedimento, adducendo una “mancanza generica di terzietà”; e questo per aver negato a Lia, “in qualità di Giudice dell’Esecuzione”, misure alternative al carcere. Ricordata anche la “richiesta di estradizione, che implicherebbe – secondo il legale – una valutazione sul “fumus”. Il Commissario della Legge ha respinto l’istanza. “Non mi sembra – ha del resto ricordato il Procuratore del Fisco – vi siano pregiudiziali sul fatto dei precedenti interventi”. PF che ha poi chiesto, per gli imputati, una pena a 2 anni e 3 mesi; parlando di una aggressione consapevole, con una sostanziale suddivisione dei compiti: Lia si sarebbe occupato della milite; del gendarme, invece, Ahmetovic, che avrebbe anche lasciato nella sua cella un biglietto di ringraziamento, in un italiano stentato. “Questo procedimento – ha dichiarato la Difesa del bosniaco – farà sicuramente giurisprudenza”, per tutte le complesse questioni legate alla vicenda. Il Giudice Battaglino ha infine condannato gli imputati ad 1 anno e 3 mesi di prigionia, con la possibilità di richiedere l’affidamento ai servizi sociali. Pena tutto sommato “mite”; non scontato, allora, il ricorso in appello. San Marino Rtv

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com