San Marino. Giovanni Maiani in copertina sull’edizione speciale di ”Lombard Report” settimanale online di borsa e finanza e punto di riferimento del settore dal 1996

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ancora una volta San Marino non è soltanto sinonimo di riciclaggio, triangolazione, evasione e così via, ma sa anche competere con professionalità a livello italiano, e non solo, e in molti settori; vedi lo sport, l’arte, alcune industrie, la nostra Università e i vari licei… Tuttavia, non sempre la comunità internazionale ce le riconosce per il nostro pregresso e perché ci sono ancora troppi furbi in giro… Questo tuttavia non ci deve fermare, ma dobbiamo sfruttare questa sfida come uno stimolo al miglioramento. Diversamente il Paese affonderà e non c’è più tempo per giocare e provare. E’ il tempo del fare e del fare bene.

Oggi è con un po’ di orgoglio, una volta tanto, che presento una mia ricerca pubblicata su un’edizione speciale di “Lombard Report”; settimanale online di borsa e finanza e punto di riferimento del settore dal 1996; www.lombardreport.com.

Lo studio consiste nell’analisi di circa 3000 assets internazionali attraverso l’utilizzo di un mio strumento di analisi che ho creato a Milano negli anni ‘90 e battezzato “Stocastico orizzontale”. La formula è stata pubblicata per la prima volta soltanto nel 2015 sul Quaderno Siat n°14.

Lo “Stocastico orizzontale” è un utilizzo molto originale dello strumento di analisi tecnica denominato Stocastico in quanto, a volte, osservare le cose sotto un’altra prospettiva ripaga o, per lo meno, apre nuove porte. L’importante è avere delle idee. In effetti, nel 1976 in Francia un noto slogan recitava “Vous le voyez, en France, on n’a pas de pétrole mais on a des idées!”… 

Questo strumento, ideato per confrontare le performance dei fondi di uno stesso paniere, consente pertanto di valutare il comportato di un gestore con quello dei suoi concorrenti in un determinato  momento storico o, complessivamente, sull’intero periodo di riferimento. Secondo il mio approccio, il nav di un fondo è il riassunto della pagella del gestore.

L’oscillatore è molto flessibile ed è utilizzabile in molti altri contesti. Per esempio, per rimanere in ambiente scolastico con la pagella, per la valutazione dei voti ricevuti da una classe ad un determinato compito. Una domanda: ricevere il voto di 8 (su 10) è sempre una buona cosa? Anche se non sappiamo quanto hanno avuto gli altri? L’8 in questione potrebbe essere il voto più basso o il voto più alto della classe. Cambia, e molto secondo il mio modesto parere. Allo stesso modo per la performance di un asset. Un fondo potrebbe aver guadagnato il 30% in un anno ed essere il peggiore della categoria. In questo caso lo stocastico orizzontale sarebbe a 0 e lo sottolineerebbe. L’investitore avrebbe portato a casa il 30%, ma ha sottoperformato se il migliore della categoria è salito del 90%… Quindi, la performance o il voto devono essere accompagnati da un altro strumento utile a contestualizzare il risultato. Il mio strumento potrebbe essere una delle risposte. 

Per chi fosse interessato, anticipo che lo studio è completamente gratuito e disponibile sul sito come sopra.

Colgo l’occasione per anticiparVi che il prossimo 23 c.m. terrò nuovamente una docenza a Milano al Master in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari organizzato dalla Siat.

Cordialmente,

Giovanni Maiani

http://giovannimaiani.blogspot.com/

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com