San Marino. Il partito socialista interpella sul Reparto di Cardiologia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Nella giornata di lunedì i consiglieri del Partito Socialista Denise Bronzetti e Alessandro Mancini depositeranno presso le segreteria Istituzionale una interrogazione con richiesta di risposta scritta in merito a sempre più frequenti segnalazioni da parte di utenti in sulle criticità in capo al servizio di Cardiologia dell’Ospedale di Stato della Repubblica di San Marino.

Di seguito il testo della interrogazione :

La Cardiologia dell’Ospedale di Stato è sempre stato un ottimo servizio della sanità sammarinese .

Da tempo però, sono sempre più frequenti le segnalazioni da parte di utenti in merito a criticità in capo al servizio di Cardiologia dell’Ospedale di Stato della Repubblica di San Marino, sia per inefficienza dell’ambulatorio di Cardiologia dove sono sempre più frequenti slittamenti di visite specialistiche già programmate e disagi per mancanza di personale specializzato nelle ore notturne e nei week-end.

Il Partito Socialista seriamente preoccupato per quanto sta accadendo – soprattutto per il non
raggiungimento dei requisiti minimi di sicurezza per il paziente che l’Ospedale di Stato deve garantire e con l’intento di fare chiarezza e quindi assicurare la miglior assistenza medica al cittadino Interroga il Governo per sapere se :

a) Corrisponde al vero che nelle fasce orarie notturne (20-8), nel weekend e nei giorni festivi non sono presenti in ospedale gli specialisti cardiologi;

b) Corrisponde al vero che nelle fasce orarie notturne (20-8) nel weekend e nei giorni festivi non sono neppure rintracciabili in reperibilità gli specialisti cardiologi;

c) Corrisponde al vero che per l’espletamento dei servizi di refertazioni degli elettrocardiogrammi sia ordinari che di urgenza si deve ricorrere al collegamento di Telemedicina con l’Unità di Terapia Intensiva Cardiologica di Rimini;

d) Corrisponde al vero, che i medici ospedalieri (chirurghi, anestesisti, ginecologi, internisti…) non possono avvalersi, ad esempio, nemmeno di una visita cardiologica o della refertazione di un elettrocardiogramma prima di un intervento chirurgico in urgenza, aumentando di fatto notevolmente e immotivatamente i rischi per il paziente stesso specie se affetto da qualsivoglia cardiopatia.

e) Corrisponde al vero che in caso di evento cardiologico acuto (infarto) extra-ospedaliero la attuale linea guida prevede il trasporto del paziente tramite 118 presso l’Ospedale di Stato dove, nei festivi, weekend e notturni addirittura non è presente nemmeno un cardiologo, demandando di fatto l’eventuale trasporto secondario presso l’UTIC di Rimini ad altro professionista medico non cardiologo e soprattutto dissipando la nota “ora d’oro” nella quale tempestivamente intervenire in caso di infarto, esclusivamente nei trasporti e aumentando infine notevolmente i rischi per il paziente stesso;

Inoltre si richiede il dettaglio (stipendio – data assunzione – mansione) di tutto l’organico del reparto U.O.C. Cardiologia dell’Ospedale di Stato di San Marino compresi eventuali contratti di consulenza in essere con i medesimi dettagli richiesti per il personale in organico.

San Marino il 02 Marzo 2019
Ufficio Stampa del Partito Socialista

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com