San Marino. Il processo Conto Mazzini usato per avere la nomina dei due giudici che possono giudicare la risoluzione CIS … di Marco Severini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Quanto è successo ieri ha del clamoroso.

Un giudice, in questo caso il giudice d’appello Caprioli nominato nel gennaio 2018, si rifiuta di fare il suo dovere e senza dire nulla a nessuno, poi invierà una lettera alla Reggenza ed all’Ordine degli avvocati-notai, annulla un processo. E non stiamo parlando di un processo qualsiasi ma del CONTO MAZZINI, il processo per corruzione più importante di San Marino.

Il giudice Caprioli, che era stato nominato più’ di un anno e mezzo fa solo ed esclusivamente per occuparsi del CONTO MAZZINI.

Ed ora che fa alla prima udienza? Fa saltare il banco sottraendosi al suo dovere di giudice, che deve fare solo quello ovvero giudicare e fare processi, probabilmente commettendo lui stesso giudice un gravissimo reato che probabilmente è quello di omissione di atti d’ufficio, art.378 cp.

Un giudice che probabilmente commette reati, che ci giudica e che vuole tenere in scacco il paese. Ma è tutta farina del suo sacco? o c’è dell’altro?

Probabilmente la politica del passato, quello dei Bigi e della Boscaglia avrebbe reagito assai duramente facendolo immediatamente esautorare dal Consiglio Giudiziario Plenario.

Quindi Caprioli ha aspettato un anno e 10 mesi dalla sua nomina per dire che non avrebbe fatto il processo CONTO MAZZINI, proprio lui era stato preso esclusivamente per questo! Ma c’è di più’ il processo CONTO MAZZINI aspetta di avere l’appello da 2 anni e 4 mesi, infatti la sentenza di primo grado è di fine giugno 2017.

Chi rallenta il processo e perché?

CHI NON VUOLE CHE SI PROCEDA CON IL CONTO MAZZINI, E CHI IN QUESTI DUE ANNI E MEZZO HA AVUTO IL SUO REATO PRESCRITTO?

Ma poi le ragioni addotte ad un simile comportamento sono inaccettabili!

Come i bambini che fanno i capricci, secondo nostre fonti e secondo quanto scritto da Rtv, avrebbe detto che ”fisserà la data del “Conto Mazzini” in appello, solo quando saranno ricoperti i posti vacanti’‘ (fonte Rtv). Ma forse questo giudice non sa che i posti tra i giudici, secondo leggi qualificate, sono intercambiabili e che, anche se lui è stato assunto per il CONTO MAZZINI, altri giudici possono ricoprire ruoli scoperti a seconda della necessità.

Che poi detto tra noi nell’economia processuale del CONTO MAZZINI ritardare l’inizio dell’appello di due-tre mesi non cambia nulla! Forse cambieranno gli equilibri all’interno del tribunale, con Guzzetta che verrà probabilmente cacciato e magari i rapporti di forza all’interno del Plenario stravolti. Quindi chi davvero ha fretta probabilmente non è il procedimento CONTO MAZZINI, ma altri e forse in altri ambiti.

Eppoi CAPRIOLI è informato che non esiste più’ un Consiglio Grande e Generale, che quello che c’è è dimissionario, SCIOLTO? E che esattamente tra due mesi ci sono le elezioni e il primo Consiglio ci sarà tra due mesi e mezzo? Quindi nemmeno tra tanto! Era così necessaria questa, probabilmente illegale, presa di posizione? C’è dell’altro? Perché l’unica, o tra le poche, che hanno preso parola nell’assemblea dell’ordine degli avvocati-notai a favore della nomina dei due giudici di appello è l’avvocato dell’ing. Marino Grandoni? Perché Guzzetta ha scritto sull’argomento dei due giudici di appello proprio in un giornale on line riconducibile a Gianni Celli socio di Marino Grandoni? C’è un gioco politico sotto? C’è un disegno destabilizzante delle istituzioni?

Tutte queste domande devono avere una risposta. Domande che probabilmente anche i cittadini si pongono.

Marco Severini – direttore ed editore

 

Per ulteriori approfondimenti:

San Marino. CONTO MAZZINI. Perchè il Prof. Caprioli ha posticipato l’udienza del 10 ottobre? … di Marco Severini

San Marino. Opposizioni durissime: “Grave e destabilizzante il posticipo del Mazzini: circolano voci incredibili…”

San Marino. *** ULTIMORA *** Questione presa d’atto Giudici di appello. Convocata assemblea generale ordine avvocati-notai. Spunta la lettera di Caprioli

San Marino. Le domande del direttore di Giornalesm al dirigente Tribunale Prof. Giovanni Guzzetta: ”Lei conoce i politici di Ap conosce Marino Grandoni?”

Clamoroso! Guzzetta parla di politica e scrive nel sito riconducibile a Gianni Celli, amico e ex socio di Marino Grandoni

 

 

 

 

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com