San Marino. Il Segretario di Stato ai rapporti con le Giunte di Castello interviene alla 34esima sessione del congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Il Segretario di Stato per gli Affari Interni e i Rapporti con le Giunte di Castello Guerrino Zanotti è intervenuto alla 34esima sessione del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa (Strasburgo, 28 marzo 2018)unitamente alla delegazione composta da: Federica Bizzocchi, Alessandro Bindi Daniela Giannoni membri della delegazione sammarinese presso il C.P.L.R.E., Annachiara Sica, Segretario della delegazione sammarinese presso il C.P.L.R.E. Durante i lavori è stato esaminato il rapporto che la delegazione del CPLRE ha elaborato a seguito della visita a San Marino, avvenuta il 13 e 14 giugno 2017 e sono state analizzati gli aspetti comuni ai Paesi di piccole dimensioni legati all’implementazione della Carta Europea delle Autonomie Locali, ratificata dalla Repubblica di San Marino nel 2013. Il Segretario di Stato ha sottolineato come a San Marino la realtà locale sia vissuta con grande partecipazione dei cittadini, perché il senso di appartenenza ai singoli Castelli è molto forte oggi, come lo era in passato: ogni sammarinese si sente cittadino della Repubblica, ma anche del Castello in cui vive. L’evoluzione normativa che ha riguardato le autonomie locali ha progressivamente ampliato le competenze e le attribuzioni delle Giunte di Castello; con la Legge del 27 settembre 2014 n. 127 la legislazione nazionale ha fatto propri i principi della Carta delle Autonomie Locali. Questo percorso normativo ha tenuto conto di una duplice esigenza: salvaguardare e rafforzare il senso di appartenenza e la partecipazione alla comunità locale, da un lato, e mantenere a livello centrale la gestione delle materie e delle questioni che interessano la globalità del Paese, dall’altro. Necessità, quest’ultima, che deriva dalle dimensioni molto ridotte del Paese e che, comunque, non va in alcun modo a scalfire il ruolo delle singole comunità locali. Il processo di riforma è comunque in evoluzione, compresa la possibilità di firmare e ratificare il Protocollo addizionale alla Carta Europea dell’autonomia locale su diritto di partecipare agli affari delle collettività locali da parte della Repubblica di San Marino. Le raccomandazioni ricevute dalla delegazione del CPLRE sono la base per futuri interventi di aggiornamento allo scopo di contribuire al consolidamento della democrazia locale a San Marino.