San Marino. Il Segretario di Stato Antonella Mularoni ha parlato all’OSCE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Il Segretario di Stato per gli Affari Esteri e Politici, Antonella Mularoni, ha preso la parola questa mattina alla riunione del Consiglio Ministeriale dell’OSCE.

     

    Gli argomenti trattati nell’intervento sono stati principalmente:

    l’affermazione di una comunita’ euro-atlantica ed euro-asiatica di sicurezza indivisibile e comune, basata sui principi e sugli impegni dell’OSCE; il contributo dell’OSCE nella prevenzione dei conflitti, nei negoziati per la pace e nella ricostruzione dopo un conflitto; il sostegno di San Marino alla lotta contro il terrorismo, la corruzione, il crimine transnazionale organizzato e il traffiico degli esseri umani; l’impegno sammarinese nella difesa delle liberta’ fondamentali, dei diritti umani, della democrazia e dello Stato di diritto; l’abolizione della pena di morte in tutti i Paesi dell’OSCE; l’interesse alla sicurezza energetica e alla prevenzione dei disastri ambientali; lo sviluppo di una maggiore cooperazione in campo economico, ai sensi degli impegni OSCE; il sostegno di San Marino all’attivita’ dell’Assemblea Parlamentare e alle missioni OSCE sul campo.

    A margine del Consiglio si è tenuto un incontro fra le delegazioni dei micro-Stati europei, per discutere di programmi di cooperazione futura alla luce dei soddisfacenti risultati dell’attuazione del progetto già finanziato congiuntamente in Moldova a favore di orfani minorenni, finalizzato alla prevenzione del traffico di esseri umani.

     

    Il Consiglio Ministeriale si e’ concluso con l’adozione di un numero ristretto di decisioni nelle tre dimensioni di cui si occupa l’OSCE (militare, economica-ambientale, diritti umani). Fra queste si evidenziano una dichiarazione sul traffico degli esseri umani, una decisione sulle pari opportunità per le donne nel campo economico ed una decisione sulla prevenzione e la risoluzione dei conflitti e la ricostruzione post-bellica.