San Marino. In Italia c’è Mps, sul Monte si fa la danza del Dragone, Priscilla.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Se la Dc è scesa ufficialmente in campo, vuol dire che è una cosa seria. Il segretario Arzilli rassicura su investitori e futuro radioso, speriamo solo che fra cinesi e romani non finisca come nel film di Verdone

Ci capisco poco, ma se gli imprenditori italiani lasciano San Marino e arrivano i cinesi qualcosa che non  funziona ci deve essere.

In compenso il governo  rassicura sul fatto che Banca Centrale garantirà l’operazione.

Luca è caustico: “Incarichiamo un gruppo di signoroni romani di indagare e dare certezze sull’investimento dei cinesi a San Marino. Speriamo che non vada a finire come nella barzelletta che ha dato il titolo al film di Carlo Verdone ‘C’era un cinese in coma’”. Un carabiniere tampona una macchina guidata da un cinese, che sbatte la testa sul volante e sviene. Il carabiniere lo porta in ospedale. “A cinè”, dice il carabiniere, “devi dirlo che non l’ho fatto apposta, sennò m’arrestano”. Il cinese risponde “Suguy mojo aye”. “Cosa hai detto cinè, non ti capisco!”. “Suguy mojo aye”, replica ancora il cinese, che un attimo dopo muore. Il carabiniere disperato entra in un ristorante cinese ed il cuoco che che parla italiano gli risponde “Suguy mojo aye? Stlana flase davvelo”. Significa “togli piede da mio ossigeno”.

Io non vorrei che fra romano e cinese non si comprendessero a alla fine a rimetterci sia il paziente – San Marino – lasciato senza ossigeno.

Ai romani e ai cinesi non cambierebbe nulla, a tutti i sammarinesi sì.

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com