SAN MARINO. ISS, INVESTIMENTI SU OSPEDALE PER 4,5 MILIONI LAVORI A RADIOLOGIA, PEDIATRIA E ANALISI; 3 NUOVE SALE OPERATORIE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • MUSSONIQuattro cantieri aperti dal prossimo mese per un investimento complessivo che supera i 4 milioni e mezzo di euro. L’Ospedale di Stato si amplia e rifa’ il look ad alcuni settori che rappresentano il cuore della sua attivita’: sale operatorie, radiologia, pediatria e laboratorio analisi. Il tutto garantendo continuita’ di servizio. Ad annunciare il piano di interventi strutturali dell’Iss per i prossimi due anni sono il segretario di Stato per la Sanita’, Francesco Mussoni, affiancato dai vertici dell’istituto e dell’Authority sanitaria.

    Il cantiere delle sale operatorie e’ di fatto gia’ aperto: alle tre esistenti se ne aggiungeranno altrettante, coibentate e con connessione informatica. In calendario, il 2 maggio l’avvio dei lavori in pediatria, che riorganizzera’ anche gli spazi, separando quelli destinati alle degenze e gli ambulatori. Quindi a meta’ mese iniziera’ il rinnovo dei locali di radiologia e il passaggio definitivo alla digitalizzazione delle lastre.  Successivamente sara’ la volta del laboratorio analisi, per chiudere il cerchio tra “un anno e mezzo, massimo due”.  Obiettivo, spiega il segretario di Stato, “e’ consegnare gia’ da quest’anno le sale operatorie, per fare un passo in avanti sul l’efficienza struttura sanitaria”. Il direttore dell’Iss Pasini sottolinea poi che gli interventi garantiranno “il rinnovamento della strutture e lo sviluppo dell’attivita’ di cura”. Nello specifico l’investimento ammonta a un milione di euro per le sale operatorie, un milione e 600 mila euro per pediatria e altrettanti per il laboratorio analisi, infine 450 mila per radiologia. A queste quattro “grosse partite” sulla struttura ospedaliera, aggiunge Pasini, si aggiungeranno interventi sugli spazi dedicati a degenze chirurgiche, gastroenterologia, formazione, amministrazione, archivistica e dipartimento prevenzione. Quindi altre iniziative interesseranno le strutture dislocate sul territorio: i centri per la salute di Murata e di Borgo, l’ambulatorio di Citta’, infine le farmacie. Aldo Arzilli, direttore sanitario dell’Iss, sottolinea quindi lo sforzo che saro’ compiuto per garantire la continuita’ di servizio, limitando i disagi.

    Infine Mussoni anticipa che la riorganizzazione delle struttura andra’ di pari passo con quella del personale: proprio oggi pomeriggio infatti e’ previsto all’Iss il primo incontro tra segreteria e sindacati sul fabbisogno delle risorse umane. “E’ tutto collegato- sottolinea Mussoni- e’ necessario affrontare seriamente il problema della struttura insieme a quello delle personale”. DIRE